Doping dall’Est Europa: sgominato il market delle sostanze illecite

Le transazioni avvenivano spesso con pagamento elettronico e spedizione via posta. Il giro d'affari stimato del sodalizio era di circa 500mila euro all'anno

0
Doping, foto generica da Pixabay

I Carabinieri di Ascoli Piceno e di Ancona hanno sgominato un sodalizio criminale che si occupava di smerciare farmaci acquistati nell’Est Europa dopanti in diverse province italiane, fra cui Brescia.

L’indagine – riferisce il sito ViverePesaro – è partita nel 2018 e ha portato gradualmente a ricostruire una rete di persone – atleti di diverse discipline e frequentatori di palestre – che si occupavano dello smercio delle sostanze (come nandrolone, testosterone, ormone della crescita e steroidi anabolizzanti), importate illegalmente da Polonia e Bulgaria.

Le transazioni avvenivano spesso con pagamento elettronico e spedizione via posta. Il giro d’affari stimato del sodalizio era di circa 500mila euro all’anno.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome