Pallanuoto, An Brescia batte nettamente la Rari Florentia

In casa della Rari Nantes Florentia, nel dodicesimo e penultimo turno d’andata, la squadra di Sandro Bovo prevale con un netto 18 a 5 (6-1, 6-1, 1-2, 5-1, i parziali)

0
An Brescia pallanuoto
An Brescia pallanuoto

Solida e concentrata, l’An Brescia si presenta in maniera senz’altro positiva alla ripresa del campionato di A1 maschile: in della Rari Nantes Florentia, nel dodicesimo e penultimo turno d’andata, la squadra di Sandro Bovo prevale con un netto 18 a 5 (6-1, 6-1, 1-2, 5-1, i parziali). In casa An, la lunga pausa osservata per le festività natalizie e per campionati europei, è stata sfruttata al massimo per recuperare gli infortunati e per preparare al meglio una seconda fase di stagione intensa e piena di appuntamenti importanti: oggi, alla piscina Nannini, i biancazzurri hanno messo a frutto il lavoro svolto nelle ultime settimane, con una difesa di grande sostanza,  con tutti i giocatori sempre pronti a dare una mano, e con un attacco puntuale a sfruttare le occasioni create. Tra le tante note positive, a spiccare è il rientro di Nicholas Presciutti, di nuovo in acqua dopo otto mesi di stop per l’infortunio alla spalla .

«Direi che la giornata è stata tranquilla – a parlare è proprio il numero nove bresciano, Presciutti junior, raggiante per aver ritrovato il vero clima agonistico -, e questo perché abbiamo rispettato le consegne del nostro tecnico: dietro abbiamo chiuso bene, non concedendo gol facili, e davanti ci siamo mossi altrettanto bene, preparando le conclusioni come stabilito e andando al tiro con efficacia. Considerato che era da un mese e mezzo che la squadra non giocava gare ufficiali, la possiamo ritenere una ripresa davvero buona. Per quanto riguarda me, sono felicissimo di essere tornato nell’organico; è stato quasi come un nuovo esordio, in alcuni momenti ho avuto le stesse sensazioni che ho provato quando avevo sedici anni e venivo inserito in prima squadra. Un po’ di dolori li ho sentiti, ma tutto sopportabile e, comunque, la contentezza di ritrovarmi in mezzo ai compagni, ha prevalso su tutto: mi mancava tutto del gioco vero, dell’atmosfera da match ufficiale, e anche il clima della trasferta mi mancava un sacco, comprese le soste all’autogrill. Era da giugno che non giocavo, mi sono tolto un peso».

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome