⚠️ Attenzione alla truffa della finta mail di Postepay

Per difendersi dal raggiro basta fare la cosa più ovvia. Non cliccare sul link (nemmeno per curiosità, potrebbe portare a un sito infetto) e cestinare la mail

0
Postepay, foto generica

BsNews.it continua la sua battaglia contro le on line, cercando di informare in tempo reale i propri utenti sui principali tentativi di raggiro telematico che stanno circolando in questo periodo on line. L’ultima mail che abbiamo ricevuto è quella del finto problema di Postepay: una truffa ormai consolidata, che circola da anni e che ancora continua purtroppo a mietere vittime. Vediamo di capirci qualcosa in più, partendo come sempre dalla mail ingannevole, che pubblichiamo integralmente di seguito.

LA MAIL CHE ABBIAMO RICEVUTO:

DA: [email protected]
 
Nօtifісa ΡοsteΡay
Gentile XXXXXXXX

Le confermiamo che ci risultano alcuni errori nei suoi Servizi Online.Puoi verificare la correttezza dei tuoi dati Accedendo ai Servizi Online!

Verifica adesso

COME RICONOSCERE LA TRUFFA POSTEPAY E COME DIFENDERSI

La mail sopracitata è un chiaro tentativo di truffa. I malviventi, che solitamente hanno base in Paesi africani o nell’Est Europa, spediscono milioni di messaggi come questi a indirizzi raccolti da database on line o generati automaticamente, nella speranza che – sulla base della “legge dei grandi numeri” – qualcuno abbocchi all’esca.

L’obiettivo della truffa è quello di convincere le vittime a cliccare sul link finale (che ovviamente abbiamo oscurato), inserendo poi i propri dati personali su un sito clone. In questo modo si regalano ai malviventi i propri dati d’accesso e si rischia seriamente di vedere il proprio conto prosciugato.

Riconoscere la truffa è però piuttosto semplice. Innanzitutto bisogna partire dal mittente, che sembra una mail ufficiale di Poste. In realtà non è così: basta cliccare sulla mail per accorgersi che il mittente è ben altro e non è certo un indirizzo ufficiale. Ma anche se lo fosse dovremmo essere insospettiti dal fatto che Poste ci scriva per segnalare un disservizio con un indirizzo relativo al servizio reclami…

Altro elemento sospetto è il fatto che la mail si presenta scarna, senza loghi, numeri di notifica e diciture di rito, oltre che con un Italiano impreciso (prima si dà al destinatario del “lei” e poi del “Voi”, ad esempio). Ma più di ogni altra cosa dovrebbe metterci in allarme il fatto che ci viene chiesto di inserire i nostri dati personali. Un elemento che, quasi sempre, è indizio di una tentata truffa.

Per difendersi dal raggiro, comunque, basta fare la cosa più ovvia. Non cliccare sul link (nemmeno per curiosità, potrebbe portare a un sito infetto) e cestinare la mail.

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome