Ospitaletto, uno spettacolo teatrale e un libro per ricordare le foibe

Il Comune ha indetto per giovedì 13 febbraio e martedì 18 due occasioni pubbliche di approfondimento e ricordo

0
Massacri delle foibe, foto d'archivio

Due appuntamenti, due occasioni di riflessione per non dimenticare. In occasione del “Giorno del Ricordo”, istituito con Legge 92/2004, nel quale la Repubblica riconosce il 10 febbraio quale occasione per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra, il Comune di Ospitaletto, nella figura del sindaco Giovanni Battista Sarnico, dell’assessore alla Cultura Chiara Maria Raza e in collaborazione con la Biblioteca Paolo VI, ha indetto per giovedì 13 febbraio e martedì 18 due occasioni pubbliche di approfondimento e ricordo.

La prima, con lo spettacolo teatrale “Urla dalle foibe”, a cura di Pandemonium Teatro, presso la biblioteca comunale, alle 21. Uno spettacolo per dare voce a chi racconta quello che gli è accaduto, sia perché sopravvissuto alla terribile esperienza di essere infoibato, sia perché, figlia di uno scomparso, non si è mai rassegnata a non sapere che fine avesse fatto il padre. Secondo appuntamento in calendario martedì 18, sempre presso la sala delle Losanghe della Biblioteca Comunale, a cura del Gruppo di lettura e di Heiko Caimi con “Raccontiamoci un libro” e la presentazione del testo di Fulvio Tomizza “La quinta stagione”.

Per ulteriori informazioni: Biblioteca Comunale Paolo VI di via Rizzi, telefono 030 6431507 oppure facebook.com/bibliotecaospitaletto oppure facebook.com/comuneospitaletto.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome