Confindustria, il bresciano Pasini (di rincorsa) per il ruolo di presidente

Con lui si contenderanno il ruolo il presidente di Assolombarda Carlo Bonomi e la vice di Confindustria per l’internazionalizzazione Licia Mattioli

0
Giuseppe Padini, Feralpi

C’è anche il bresciano – presidente degli industriali bresciani di e del gruppo Feralpi di Lonato – tra i tre candidati nazionali alla successione di Vincenzo Boccia alla presidenza di nazionale.

I termini per le autocandidature – con il requisito del consenso del 10 per cento dei 179 componenti del consiglio generale – sono scaduti a mezzanotte. E in tre si sono lanciati ufficialmente nella corsa. Oltre a Pasini, si contenderanno il ruolo il presidente di Assolombarda Carlo Bonomi e la vicepresidente di Confindustria per l’internazionalizzazione Licia Mattioli.

La procedura prevede ora cinque settimane di consultazzioni dei tre saggi, che dovranno consultare la base. Un percorso che terminerà il prossimo 26 marzo, quando il consiglio generale voterà a scrutinio segreto il nuovo presidente, e il 20 maggio, quando a esprimersi sarà l’assemblea generale, di 880 membri.

Il favorito, secondo i rumors, sarebbe oggi Bonomi, che disporrebbe già del sostegno di quasi un terzo del consiglio generale (53, contro i 28 di Pasini e i 20 di Mattioli, sostenuta da Boccia). Ma Pasini potrebbe contare anche sull’appoggio del bresciano (comunque non soft), attuale presidente regionale di Confindustria, e dell’emiliano Emanuele Orsini, che in precedenza aveva anche ipotizzato una propria candidatura per il massimo incarico.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome