Produzione di miele: Brescia prima in Lombardia con 119 imprese

Tra le province della nostra regione Brescia guida con 119 imprese, +10% in un anno e +27% in cinque anni

1
Produzione di miele in calo - www.bsnews.it
Produzione di miele in calo - www.bsnews.it

Sono 763 le imprese lombarde attive nella produzione di miele (+6% in un anno, +23% in cinque anni) su un totale italiano di 5.926. E’ quanto emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e di Coldiretti Lombardia su dati del registro delle imprese, relativi al quarto trimestre 2019.

Tra le province della nostra regione Brescia guida con 119 imprese, +10% in un anno e +27% in cinque anni. Seguono Bergamo con 110, +8% e +31%, Varese con 94 imprese, (-1% in un anno, ma in crescita del +7% in cinque), Pavia con 84 imprese, (+6% in un anno e +29% in cinque) e Sondrio con 81 imprese (+1% e +17%), Milano con 70 (+5% e +13%), Como con 64 (+10% e +16%), Lecco con 40 imprese (+14% e +29%), Lodi con 18 imprese (+13% in un anno e raddoppiate in cinque). Mantova ne ha 31 (stabili in un anno e +35%  in cinque), Cremona 15 (+7% e +15%), Monza Brianza 37 (+6% e +37%).

Gli addetti. Nel 2019 in Lombardia gli addetti totali hanno registrato un aumento del 6% in un anno e del 24% in cinque anni, arrivando a 401. Sono cresciuti maggiormente a Bergamo e Brescia, + 10% circa, rispettivamente con 60 e 34 addetti.

12,43€
disponibile
2 nuovo da 12,43€
Amazon.it
Spedizione gratuita
9,99€
disponibile
1 nuovo da 9,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
13,78€
disponibile
1 nuovo da 13,78€
Amazon.it
Spedizione gratuita
6,99€
8,06
disponibile
3 nuovo da 6,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
11,50€
disponibile
1 nuovo da 11,50€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 6 Giugno 2020 12:00

Comments

comments

1 COMMENT

  1. M, sbaglio, o é di questi giorni l’ennesimo allarme sull’estinzione degli insetti che impollinano sulle nostre montagne, e quindi l’estinzione della vita? Da assiduo frequentatore da molti decenni delle nostre montagne, non mi pare di non vedere più farfalle, mosche, api, ecc. Come non mi pare di non vedere più rettili (tipo vipera aspis) ed altri animali simili. Ho visto invece cambiare in maniera repentina flora e fauna negli anni Settanta, quando l’ecologia non era ancora mercato. Ma questo, come sempre, non contava e non conta più. Intanto, fra la fine del pianeta che ci augura con tono minaccioso la nostra greta, e l’inquinamento che ci hanno creato I nostri politici bresciani con l’ecomostro, gustiamoci il nostro miele, favoloso quello di castagne….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome