Terreni inquinati da Pcb, il comune azzera l’imposta Imu

La decisione è stata presa dall'amministrazione comunale, che ha scelto di non far pagare l'Imu sui terreni che rientrano nel Sin

0
23 10 2007 agricoltura campo campagna contadino trattore aratro Ph.FotoLive Ettore Ranzani

Su quella terra inquinata dai Pcb della Caffaro ormai non si coltiva più da diversi anni e ora, finalmente, i proprietari non dovranno pagare l’imposta Imu relativa.

La decisione è stata presa dall’amministrazione comunale, che ha scelto di non far pagare l’Imu sui terreni che rientrano nel Sin, tra via Milano e fino alla tangenziale ovest, e pure quelli limitrofi al Sin ma comunque soggetti alle limitazioni indette dall’ordinanza comunale.

La possibilità di eliminare le aliquote deriva dalla recente Legge di Stabilità, che dà ai comuni la possibilità di esentare da pagamento dell’aliquota i proprietari di terreni agricoli non coltivabili per ragioni di varia natura.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome