🔴 Roncadelle, panico da Coronavirus ingiustificato: stanno tutti bene

Gli autori del cartello che ha preoccupato molti avrebbero visitato una zona non coinvolta nell'epidemia e sarebbero stati anche sottoposti alla prova della temperatura prima di imbarcarsi per l'Italia

1
Coronavirus, foto generica da Pixabay

Si sta rivelando ingiustificato il panico degli abitanti di Roncadelle per un cartello, equivoco, apparso nei giorni scorsi sulla saracinesca di un’attività commerciale del paese.

Sul foglio, rimosso dopo la segnalazione del consigliere di minorana Elisa Regosa, era stato scritto: “Siamo tornati dalla Cina l’1 febbraio, per sicurezza faremo una pausa di 14 giorni. Il negozio riaprirà il 17 febbraio”. E per questo era scattato l’allarme, diventato panico da Coronavirus sui social.

Stando alle informazioni disponibili, non si sarebbe trattato di uno scherzo di qualche buontempone, ma del gesto – forse ingenuo – di una famiglia cinese tornata da poco dalla Cina, che avrebbe deciso di mettersi in isolamento per qualche giorno in via precauzionale.

Le condizioni di salute dei quattro componenti del nucleo, però, sarebbero buone: i quattro, infatti, avrebbero visitato una zona non coinvolta nell’epidemia da Coronavirus e, coome da procedura cinese, sarebbero stati anche sottoposti alla prova della temperatura prima di imbarcarsi per l’Italia. Ora si attendono nuove verifiche da parte dell’Ats. Ma il pericolo sembra lontano. Oltre Oceano.

Coronavirus, il biglietto comparso su un’attività di Roncadelle, foto Elena Regosa
close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome