Brescia, l’ambiente e le ombre della Regione | di Paolo Pagani

La nostra regione è in una situazione di emergenza ambientale e climatica e il governo regionale non va al di là, se va bene, dell'ordinaria amministrazione

2
Paolo Pagani, opinionista Bsnews.it

di – Settimana scorsa le associazioni ambientaliste hanno fatto bene ad organizzare il flash mob sotto la Loggia. In campo ambientale le sollecitazioni devono essere sempre benvenute.  Ma altrettanto bene ha fatto il sindaco Del Bono a richiamare e sottolineare che mai è stato fatto tanto, e bene, come in questi ultimi anni di centrosinistra e a dimostrare un’apertura vera al confronto, per proseguire sulla strada di politiche ambientali sempre più innovative. 

Tuttavia, c’è un punto politico di prima grandezza, che non può più essere tenuto in ombra. Ovvero le politiche di Regione Lombardia. La nostra regione è in una situazione di emergenza ambientale e climatica e il governo regionale non va al di là, se va bene, dell’ordinaria amministrazione. D’altra parte se tutta la destra mondiale nega l’emergenza climatica e ambientale, è consustanziale che scendendo giù per li rami si faccia poco o niente. 

E così sul consumo di suolo la Lombardia è tra le regioni all’avanguardia (si fa per dire) e occupa le posizioni di retroguardia, quanto a legislazione, tanto che è arrivata la matita rossa dell’Alta Corte a stigmatizzarne limiti di merito e di soffocamento dell’autonomia comunale. 

Le politiche nel settore del trasporto pubblico sono un caso di scuola al contrario. A prescindere dalla penalizzazione del Comune di Brescia, di fronte al fatto incontenstabile che l’inquinamento atmosferico è causato largamente dal traffico veicolare, si procede con piccoli rammendi, invece di confenzionare un abito nuovo al trasporto pubblico locale. Inaccettabile è lo stato in cui sono costretti a viaggiare migliaia di pendolari lombardi. Inaccettabile è l’assenza di un grande piano di investimenti per il potenziamento del trasporto pubblico e per incentivare la dismissione delle automobili più inquinanti. 
In tema di rifiuti, anche qui a prescindere dalla penalizzazione della nostra provincia su cui si continua a fare orecchie da mercante, un nuovo piano che faccia della Regione una locomotiva dell’economia circolare, é ancora e sempre allo stadio degli annunci. 
E si potrebbe continuare nel cahiers de doleance.

Insomma, credo che dalla società civile e dalla politica lombarde debbano  salire forti iniziative per sollecitare Regione Lombardia ad attuare una svolta radicale caratterizzata da 1) forti investimenti 2) pianificazione orientata a consumo di suolo zero, economia circolare, incentivazione del trasporto pubblico 3) trasferimento di competenze agli enti locali, per contrastare una deriva burocratica regionale sempre più accentuata e valorizzare il territorio 4) potenziamento delle agenzie e strutture deputate al controllo.

* Segretario provinciale di Articolo UNO 

Comments

comments

2 Commenti

  1. Bello dare tutte le colpe alla parte avversa. Ricordo al Sig. Pagani che questa cementificazione selvaggia della città è targata centrosinistra: gli obbrobri che abbiamo sotto gli occhi di tutti, dai quartieri delle periferie a S. Polino, al palazzo vicino alla Freccia Rossa, ecc… sono lì a dimostrare il consumo selvaggio di suolo delle amministrazioni democristiane e poi cattocomuniste. Ricordo anche che indebitarsi per decenni per costruire un’opera che non ha portato alcun miglioramento ambientale, come la metro, dimostra, ancora una volta, la vocazione affarista della sinistra. Dedita solo ad imporre opere inutili con l’arroganza di crederle indispensabili. Infatti il traffico è tale e quale a prima, l’aria anche e l’inquinamento idem. Ma, pur di spendere, va bene tutto per i sinistri. Altro tema e altra opera targata centrosinistra, l’inceneritore. Anche qui altra opera business, non certo verde o bio. Ma, visto che si vuole dare l’idea a tutti i costi che la sinistra sia verde, attenta all’ambiente e alla sopravvivenza animale e vegetale, sottoporrei alcune idee che lega Ambiente propone a questa amministrazione: bicipolitana, potenziamento linee autobus (non metro), estensione della Ztl. Tutte proposte che vi dovrebbero trovare d’accordissimo e che dovreste fare subito e ad occhi chiusi. E perchè allora non le attuate? Troppo poco costose? Non creano i soliti bisogni indotti e non mantengono le vostre tanto amate multiutilities? Mio nonno diceva che il non spendere, il riciclare e l’utilizzare le cose semplici, è l’unico modo per risparmiare sul serio… Ma la politica, a questo punto, che ci starebbe a fare?

  2. […] di Fabio Rolfi* – Da qualche tempo si vuol far passare il messaggio che il tema della sostenibilità ambientale, con tutte le sue declinazioni, sia diventato patrimonio esclusivo della sinistra. Soprattutto a Brescia è una gara costante tra amministrazione comunale, gruppi e movimenti ambientalisti, come i resuscitati Verdi e altri partitini vari dello “zero virgola”, ad accapparrarrsi il merito di azioni e proposte sul tema. L’ultimo tentativo è quello del segretario di Articolo 1 su Bsnews.it. […]

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome