Giulio Uberti, il poeta bresciano dell’Ottocento che nessuno (o quasi) ricorda

Le sue liriche furono caratterizzate da forti toni patriottici e lodate pubblicamente anche da Carducci

0
Primavera del poeta bresciano Giulio Uberti

La poesia, si sa, non va più di moda da un pezzo. Ma Brescia – pur essendo conosciuta in Italia soprattutto per le sue aziende – vanta un’importante tradizione anche in questo campo.

In epoche  recenti la leonessa ha sfornato nomi del calibro di Lento Goffi, diplomato al liceo Arnaldo e docente al Calini, scomparso nel 2008. Oppure di Angelo Canossi, il “poeta della brescianità”. Ma anche tre dei poeti italiani più noti nel mondo sono profondamente legati alla nostra provincia. A Giosuè Carducci (e prima al meno noto Aleardo Aleardi), infatti, si deve la definizione di Brescia Leonessa d’Italia (l’ode intitolata “Alla Vittoria – Tra le rovine del tempio di Vespasiano in Brescia” si conclude così: “Lieta del fato Brescia raccolsemi, / Brescia la forte, Brescia la ferrea, / Brescia leonessa d’Italia / beverata nel sangue nemico)”. Vittorio Sereni si trasferì a Brescia a 12 anni e frequentò il liceo Arnaldo prima di tornare a Milano. Mentre non c’è nemmeno bisogno di spiegare i legami tra Gabriele D’Annunzio, “il vate”, e il lago di Garda, dove ancora ha sede il suo Vittoriale.

Ma nella storia della leonessa c’è un nome che pochi ricordano e che una certa fama conobbe all’epoca di Carducci. Parliamo di Giulio Uberti.

Giulio Uberti nacque a Brescia il 5 settembre 1806. Si laureò in legge e da subito si distinse per il suo impegno politico. Mazziniano, partecipò alle Cinque Giornate di Milano (18 e il 22 marzo 1848) e quindi a una campagna garibaldina. Ma fu arrestato dagli austriaci il 6 febbraio del 1953 e costretto all’esilio. Tornò nel Capoluogo lombardo solo nel 1956 (ma altre fonti indicano il 1859) e progettò anche di uccidere Napoleone III (un proposito da cui, pare, lo distolsero gli amici).

Le sue liriche furono caratterizzate da forti toni patriottici e lodate pubblicamente anche da Carducci. In gioventù scrisse un poemetto satirico ispirato a Il giorno di Parini e intitolato Le stagioni di cui portò a termine solo L’inverno (1841) e La primavera (1842). Per diversi anni non pubblicò nulla, ma negli ultimi anni della sua vita diede alle stampe diverse opere come “Italia, Impero, Chiesa” (Ginevra 1870); “Poesie edite ed inedite” (Milano 1871) e “Avvenimenti italiani dal 1859 al 1874”, in cui si avverte la forte influenza di Victor Hugo.

Morì a Milano il 19 novembre che 1876 in circostanze tragiche. Secondo le fonti disponibili, infatti, Giulio Uberti si tolse la vita con un colpo di pistola a causa di un tormentato amore (pare ricambiato) per una sua giovane allieva di origine inglese. Quando lei tornò a Londra lui la raggiunse, ma dovette ben presto rassegnarsi all’impossibilità di quella storia, circondata da voci maligne.

A Giulio Uberti sono dedicate vie in diverse strade d’Italia, tra cui le “sue” Milano e Brescia (sulle rive del Mella, nel quartiere di Fiumicello). Alla sua tragica fine dedicò alcuni versi, nel 1878, anche Felice Cavallotti. Li riportiamo di seguito.

«L’altro era un bardo: Giulio era il nome:
Quindici lustri premeanlo a sera:
Pur sul rugoso fronte non dome
L’ire fremevano dell’alma austera:
Passò imprecando: sferzò: derise:
—Tutto è putredine! — disse… e s’uccise.»

(Felice Cavallotti, Tre ritratti, 1878)

Poesie edite ed inedite. Corrette dall'autore [1871]

17,82  disponibile
3 new from 17,82€
as of 21 Giugno 2021 23:43

Caratteristiche

Release Date2004-02-06T00:00:01Z
LanguageItaliano
Number Of Pages378
Publication Date2004-02-06T00:00:01Z
close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome