CORONAVIRUS, l’azienda Omal dona 50mila euro al Civile

OMAL non è nuova a iniziative benefiche e di restituzione al territorio. Da tempo l’azienda è infatti impegnata in progetti di responsabilità sociale, volontariato aziendale e filantropia

0
L'azienda Omal, foto da ufficio stampa

Omal Spa – azienda produttrice di valvole e attuatori industriali, originaria della Val Trompia e con sede a Rodengo Saiano . ha voluto dare il proprio contributo in questo difficile momento di emergenza sanitaria.

L’azienda ha donato 50.000 euro alla Fondazione Spedali Civili di Brescia, che verranno impiegati per l’acquisto di apparecchiature e ventilatori B- PAP, fondamentali per incrementare il numero delle terapie intensive disponibili in ospedale e poter fronteggiare l’attuale emergenza sanitaria.

OMAL non è nuova a iniziative benefiche e di restituzione al territorio. Da tempo l’azienda è infatti impegnata in progetti di responsabilità sociale, volontariato aziendale e filantropia.

Poche ore fa anche l’azienda Pedrali aveva annunciato di aver donato 100mila euro agli ospedali di Brescia e Bergamo.

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, TUTTA LA LOMBARDIA E’ ZONA ROSSA FINO AL 3 APRILE: DIVIETI

🔴 CORONAVIRUS, CHI PUO’ CIRCOLARE E CHI NO IN LOMBARDIA

🔴 CORONAVIRUS: SCUOLE CHIUSE FINO AL 15 MARZO

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 INFORMAZIONI UTILI SUL CORONAVIRUS

🔴 112 IN DIFFICOLTA’: NON CHIAMATE PER CHIEDERE INFORMAZIONI

🔴 DICIAMO GRAZIE A MEDICI E INFERMIERI BRESCIANI

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

Ultimo aggiornamento il 13 Aprile 2021 15:22
close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome