Calcinatello, lapide aperta nel cimitero: era un tentativo di furto?

Solo pochi giorni fa al cimitero San Bartolomeo in via Campane a Brescia alcuni malviventi avrebbero profanato due tombe di un’altra famiglia rom, lasciando aperti i feretri<

0
Cimitero
Cimitero

S’infittisce il mistero di una lapide che pare sia stata forzata nel cimitero di Calcinatello. Il dubbio è lecito perché – come ipotizza anche Bresciaoggi che ha dato notizia dell’accaduto – la lastra di marmo si potrebbe anche essere danneggiata a causa della caduta di una delle scale del cimitero utilizzate per raggiungere i loculi più in alto.

Il fatto è che la tomba appartiene ad una donna di etnia rom deceduta nel 2000. All’interno della sua bara potrebbero esser stati custoditi oggetti e monili d’oro come è da tradizione per le famiglie rom.

Al momento non vi è stata nessuna denuncia, per cui le forze dell’ordine propendono per l’ipotesi del danneggiamento involontario, anche se i segni sulla lapide e sulla lastra di cemento che protegge la bara sembrano evidenti.

Oltretutto, solo pochi giorni fa al cimitero San Bartolomeo in via Campane a Brescia alcuni malviventi avrebbero profanato due tombe di un’altra famiglia rom, lasciando aperti i feretri e visibili i cadaveri al loro interno.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome