🔻 Da Guttuso a Sironi: a Salò la raccolta del disegno compie 40 anni e 800 opere | 🔺DAL GRUPPO G9

Da quando il MU.SA ha aperto i battenti (2015), la Civica Raccolta del Disegno è stata tra le prime cose allestite in quella sede, con una propria sede espositiva permanente e un adeguato spazio di conservazione e archiviazione...

0
Civica raccolta del disegno di Salò, foto da Gruppo G9
Logo gruppo G9

di Viola Allegri – L’idea di dar vita a un progetto culturale da “donare” alla propria città (proprio così viene immaginato: un dono) si manifesta in Palazzo Fantoni, durante una conversazione che Pino Mongiello e Attilio Forgioli tengono durante la mostra di opere dell’artista salodiano e di Antonio Stagnoli “Due pittori, due isole”, curata da Elvira Cassa Salvi (dicembre 1980 – gennaio 1981).

Per evitare banalità e passi falsi Forgioli sostiene l’opportunità di avvalersi anche del parere di un critico. È così che entra in gioco Flaminio Gualdoni; è lui che suggerisce l’indirizzo da adottare, proponendo la costituzione di una Raccolta del Disegno: “Costa poco, non richiede grandi spazi, si conserva con poca spesa, è una novità per l’Italia”.

Nel primo catalogo generale delle Opere acquisite dal 1983 al 1997 (ed. Nuovi Strumenti), Gualdoni scrive: “Che il disegno, antica matrice delle arti tutte e ora ridotto a margine del mercato e, dunque, anche dall’attenzione scientifica, potesse divenire fondamento progettuale, e di un museo, era del tutto implausibile. Che ciò, per di più, accadesse a Salò, un centro non grande e solo turisticamente connotato, era ciò che solo a una compagine di rilassati engagés, distratti alle strategie culturali ufficiali, poteva passar per la mente. La Raccolta salodiana nasce, fuori tempo e fuori luogo, dall’incrociarsi della curiosità e del volontarismo un po’ avventurosi di alcuni innamorati del Garda e dell’: Pino Mongiello, assessore alla cultura, e Attilio Forgioli, artista salodiano trapiantato a Milano”.

L’iniziativa prende forma e compie i suoi passi grazie a finanziamenti misti provenienti da pubblico e privato. Sette cittadini versano ciascuno un milione di lire per un certo numero di anni, cioè fino al 1987; il Comune di Salò interviene a completare il budget aggiungendo la somma corrispondente alle sette quote, attingendo dal proprio bilancio. Commenterà Gualdoni: “I sette privati e la città di Salò mettono a disposizione, inizialmente, l’equivalente economico di un’auto di piccola cilindrata: che non è poco, è moltissimo”.

Civica raccolta del disegno di Salò, foto da Gruppo G9

Questa la filosofia del lavoro che si vuol perseguire: attenzione particolare al secondo dopoguerra, da estendere progressivamente alle avanguardie storicizzate. Ma, ove possibile, cioè se si presenta l’occasione, si ampliano gli orizzonti fino a comprendere l’intero Novecento. Per questo nell’ormai ricco inventario della Raccolta salodiana figurano artisti come Tancredi, Arcangelo, Guccione, lo stesso Forgioli, Tadini, Consagra, Boetti, Dorazio, Vedova, Birolli, Giosetta Fioroni, Baj, accanto a De Pisis, Guttuso, Sironi e Romolo Romani.

Nel 1989, a fiancheggiare e sostenere la Raccolta salodiana si aggiunge la Provincia di Brescia, di fatto sostituendo i privati che nel frattempo si erano ritirati ritenendo esaurita la loro funzione di stimolo. L’intesa tra i due enti pubblici, avallata con specifica convenzione, durerà con profitto fino alle soglie del Duemila. Poi la Provincia ritirerà il proprio impegno finanziario mantenendo però la propria presenza nella composizione dell’organismo salodiano con tre rappresentanti. Questo venir meno del sostegno economico provinciale provocherà, per protesta, le dimissioni di Mongiello, che rientrerà, proposto dalla minoranza consiliare, solo nel 2020.

La produzione di questa singolare realtà è ampiamente documentata nei diversi cataloghi che si sono susseguiti nel tempo, i quali testimoniano non solo l’avvenuto ingresso di opere d’autore (oggi se ne contano circa ottocento) ma anche la strategia nel conservare e divulgare il patrimonio, nel metterlo in circolo e nel farlo conoscere a un pubblico sempre più vasto, a partire da quello scolastico. Infatti le esposizioni non si sono limitate all’ambito salodiano ma hanno raggiunto anche alcune importanti sedi in Lombardia (Brescia –Palazzo Martinengo; Milano – La Permanente; Lissone – Galleria civica) e all’estero (Klatovy nella Repubblica Ceca).

Da quando il MU.SA ha aperto i battenti (2015), la Civica Raccolta del Disegno è stata tra le prime cose allestite in quella sede, con una propria sede espositiva permanente e un adeguato spazio di conservazione e archiviazione. Ad esercitare le funzioni di conservatrice e coordinatrice delle iniziative varate dall’apposito comitato, è da qualche anno Annalisa Ghirardi, laureata presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e diplomata alla Scuola di Specializzazione in Storia dell’Arte e delle Arti Minori. Docente di Storia dell’Arte, ha collaborato con numerose gallerie private ed enti pubblici, tra cui la Fondazione “Il Vittoriale degli Italiani” di Gardone Riviera, i Civici Musei di Brescia e il MUSE di Trento.

LA GALLLERIA FOTOGRAFICA

IL 27 giugno a Salò riapre il MU.SA. Per l’occasione la Civica Raccolta salodiana propone una mostra dal titolo “CARTE SCRITTE” a cura di Annalisa Ghirardi.

Sarà una nuova selezione di trenta carte della Civica Raccolta del Disegno. In esse il linguaggio dell’immagine è unito a quello della scrittura, in un alfabeto segnico che attinge a più ambiti.

Scritture immaginarie, alfabeti inconsci o della mente, di cui non conosciamo la chiave d’accesso ma che ci conducono nell’ignoto o nell’assurdo, si accostano a parole significative, evocative, talvolta persino poetiche, in uno stimolo sonoro, oltreché visivo.

I linguaggi sono eterogenei, il tono del discorso è talora criptico e serrato, talaltra lieve e scanzonato, ma anche introspettivo, meditativo o di denuncia.

Sono esposte opere di:

ALESSANDRO ALGARDI, ARCANGELO, GIANFRANCO BARUCCHELLO, GIORGIO BERTELLI, ALIGHIERO BOETTI, MINO CERETTI, GIANLUIGI COLIN, ROBERTO COMINI, PIRRO CUNIBERTI, DADAMAINO, GIOSETTA FIORONI, ATTILIO FORGIOLI, MARIANO FUGA, ARMIDA GANDINI, FRANCESCO LEVI, PABLO ECHAURREN, CLAUDIO PARMIGGIANI, MARISA PEZZOLI, PIERO PIZZI CANNELLA, CONCETTO POZZATI, ANGELO PRETOLANI, GIOVANNI REPOSSI, ETTORE SORDINI, EMILIO TADINI

Articolo a cura del gruppo Gruppo 2009 / G9. Ulteriori informazioni sul sito www.gruppo2009.it

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA A QUESTO LINK

CORONAVIRUS, CHIEDIAMO TAMPONI PER TUTTI PER FERMARE IL CONTAGIO! FIRMATE LA NOSTRA PETIZIONE

▶️ https://www.change.org/coronavirus-tamponi-per-tutti

Ultimo aggiornamento il 15 Luglio 2020 16:05

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

🔴 CORONAVIRUS: IDENTIKIT DEI SOGGETTI A RISCHIO (FONTE ISS)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

8,42€
9,99
disponibile
13 nuovo da 4,20€
24,99€
28,99
non disponibile
1 nuovo da 24,99€
2 usato da 23,24€
Amazon.it
Spedizione gratuita
13,09€
14,59
disponibile
6 nuovo da 11,00€
Ultimo aggiornamento il 15 Luglio 2020 16:05

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome