Quarant’anni di cronaca bresciana | 🎨 MOSTRAMI UNA MOSTRA/96

Una mostra “non mostra” al Mo.Ca, come la definisce Renato Corsini, direttore artistico del Macof-Museo della fotografia italiana...

0
Quarant’anni di cronaca bresciana, foto BsNews.it (Enrica Recalcati)
Enrica Recalcati, opinionista di BsNews.it
La scrittrice , opinionista di BsNews.it

di Enrica Recalcati – Una mostra “non mostra” al Mo.Ca, come la definisce Renato Corsini, direttore artistico del Macof-Museo della fotografia italiana.  Cinque stanze per sei fotografi: Tito Alabiso, Umberto Favretto, Franco Lancini, Marco Ortogni, Gabriele Strada e Filippo Venezia.  Un’esposizione concepita e voluta in modo selettivo e semplice dagli stessi autori. Una sola fotografia per ognuno, quella ritenuta più significativa, senza titolo, con una nota biografica dell’autore. Selettivo e semplice è anche il libro, curato da Renato Corsini e Laura Bergami, che accompagna la mostra: un bigino di storia, nessun numero di pagina, da sfogliare come un quotidiano. Oltre 300 scatti dal 1980 ad oggi, per testimoniare il percorso storico bresciano e invitare ad un approfondimento. Complice il lavoro duro e altamente professionale di sei abili fotoreporter figli di questa terra. Quattro decenni: «Quarant’anni di cronaca bresciana», compiendo un’operazione che nulla ha a che vedere con una memoria nostalgica di quello che è stato, ma che, al contrario, fissano sulla carta il cambiamento di una città e non solo. Tutti i fotografi hanno lo stesso peso, sono allo stesso tempo testimoni privilegiati e cittadini partecipi, strumenti umani di trasmissione di conoscenza e di emozioni. Un’installazione fatta di giornali ammucchiati davanti a un caminetto ci invita ad una riflessione: «Il lavoro del fotoreporter è difficile. Con un singolo scatto ti si chiede di raccontare un evento quotidiano o straordinario, lasciandoti la sola alternativa di essere veloce a farlo», annota Renato Corsini. In mostra solo sei scatti che ci ingolosiscono e ci invitano a sfogliare il libro-bigino a disposizione dei visitatori. Dal 1980 al 2020 rivediamo eventi di cronaca nera, giudiziaria, calamità, clamorose proteste, primati sportivi e in ultimo le tragiche immagini della pandemia Covid.  Si inizia dalla vittoria di Ezio Gamba alle olimpiadi di Mosca del 1980 al successo di Fausto Leali a Sanremo, dalla morte di Cristian Lorandi in Maddalena a Sandro Pertini al teatro Grande, dalla “Grande nevicata” del 1985 alla vittoriosa maratona di Poli a New York, da Achille Cavellini con Andy Warhol ai complessi lavori per la metropolita, dalla passerella di Christo sul lago d’Iseo nel 2016 al personale sanitario nelle rianimazioni sfiancate dal Covid.  La tecnologia ha reso tutti fotografi, ma con risultati spesso carenti qualitativamente. La differenza però si evince quando in un solo scatto viene chiesto di raccontare un evento quotidiano o straordinario velocemente e senza alternative. Una mostra questa che idealmente si inserisce nell’attuale progetto di valorizzazione del patrimonio immateriale, storico e turistico del Novecento a Brescia.

LA SCHEDA

Quarant’anni di cronaca bresciana

Mo.Ca

Via Moretto, 78

da giovedì alla domenica dalle ore 15 alle 19,30

ingresso libero

per info: www.macof.it

Dal 3 ottobre al 22 ottobre

LEGGI LE PUNTATE PRECEDENTI

Tutte le puntate della rubrica MOSTRAMI UNA MOSTRA di Enrica Recalcati

GUARDA LA FOTOGALLERY

19,99€
disponibile
1 nuovo da 19,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
16,99€
disponibile
1 nuovo da 16,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Ottobre 2020 20:19

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome