Città della cultura | di Sandro Belli

Una città che vuol diventare  Città della cultura  mi pare debba preoccuparsi non solo del suo ‘contenuto’ museistico, intellettuale, culturale, artistico, storico...

0
Sandro Belli, rubrica opinionisti

di – Una città che vuol diventare  Città della cultura  mi pare debba preoccuparsi non solo del suo ‘contenuto’ museistico, intellettuale, culturale, artistico, storico. Deve pensare alla sua realtà di città  vera, accogliente, interessante nella quale, quando la si visita ed in essa si passeggia, ognuno può sentire che la cultura nella città è presente, è diffusa, è  radicata, e non è un fatto occasionale o posticcio. Per raggiungere questo risultato il percorso non è ne’ breve ne’ facile, e sopratutto coinvolge molte competenze ed una decisa e positiva condivisione politica. L’affetto per la propria città deve essere il vero protagonista del progetto; la cura per la sua urbanistica non può che essere massima; l’attenzione per la vita cittadina nel suo complesso una passione civica.

Il visitatore non lo si può far passeggiare su strade realizzate con materiali non drenanti, fra mille pozzanghere, pavimentate con cementi ed asfalti non fotocatalitici, camminare  su marciapiedi di orrido asfalto anche nel centro storico e nella miglior periferia, senza rispetto per l’estetica che richiederebbe una pavimentazione più consona, in pietre o cubi di porfido, o quantomeno in materiali anti inquinamento. Passeggiare senza una panchina per riposarsi un momento, in vie con nomi illeggibili per usura di targhe, frecce ed indicazioni stradali chiare, che con la tecnologia di oggi andrebbero anche  dotate di Q cod.

Se il turista vuol prendere un autobus, gli si deve far trovare  comode fermate con pensiline antipioggia e sedili per l’attesa. Chi volesse girare la città ed i dintorni in bicicletta, oggi trova alcuni percorsi di piste ciclabili anche troppo larghe che poi, però, sfociano in piste piccole e pericolose ( una riga a lato strada ) Le piste non sono dotate di indicazioni che facilitano al turista ciclista  l’individuazione di monumenti, musei, teatri e luoghi di interesse da visitare oltre a spazi che lasciano possibilità di posteggio bici.
Il visitatore che entra in città in automobile non trova un sistema di parcheggi prenotabili o assegnati e neppure una circolazione stradale che, in presenza di un’emergenza o di una ambulanza si imposta in tempo reale, con semafori e segnalazioni che si attivano opportunamente per offrire percorsi protetti.
Può allora accadere che il visitatore pensi che in Brescia c’è una buona cultura dell’antico, ma la tecnologia e la scienza non sono ancora arrivate. Vede, infatti, con interesse musei, pinacoteche e splendide chiese, ma percepisce una certa arretratezza tecnico culturale : nessun ‘ area del futuro’  o centri di innovazioni e di ricerca in campo scientifico-culturale o urbanistico, poca domotica urbana ; Vede, cioè una città ferma, rivolta al passato. Se il turista viene da Rio o da Dubai ed ha appena visitato i “Museum of the future“ di queste città, oppure  viene da un giro sulle  capsule aeree di Israele, si sente un po’ in imbarazzo, ma cortesemente, continua la sua visita in città. Si accorge poi però, di respirare un’aria non sana e, ricordando che Brescia era tempo prima conosciuta per essere la città più inquinata d’Italia, chiede : “ ricordo che si diceva che voi a Brescia avevate 200.000 auto Euro 1/2/3 ed un’aria irrespirabile.  Come va oggi ? Avete finalmente cominciato a lavare le strade di maggior traffico?….avete piantato arbusti e piante specifiche anti inquinamento….?”
Che cosa può rispondere una “città della Cultura”? Che cosa risponderà Brescia?

Qualsiasi visitatore, da qualsiasi paese al mondo provenga avendo vissuto il periodo della pandemia, ha visto di persona che moltissime città hanno in parte cambiato struttura : più spazio lasciato al verde, pubblico o privato, edifici con terrazzi e terrazzini più ampi, più aiuole, più spazio al passeggio, alle biciclette e ai monopattini; maggior disponibilità di mezzi per accesso comodo dal centro cittadino alle colline o altopiani circostanti e, in generale, un modo di vivere e di abitare più umano. “Voi- chiederà il visitatore- con la vostra bella Maddalena ed il vostro colle Cidneo finalmente avete deciso come salirci e come utilizzarli ?…E il progetto di qualche giardino verticale, come quello di due anni fa, per coprire il grande muro di Largo Formentone….un giardino ben inserito con ai piedi un perenne mercato dei fiori e del verde …?”

 

Molti visitatori ci faranno presente di quanto la strada possa esprimere l’anima di una città più dei locali al chiuso, più dei musei e delle mostre d’arte : arte di strada, teatro e cinema su scenografie naturali, danza in strada, e ancor più parchi fra loro collegati e un composto arredo urbano. Un turista : “ su qualche grande schermo gira da noi la vita cittadina, personaggi, immagini, inviti a partecipare agli eventi del giorno…il tutto governato dal ‘ centro urbano della città cablata ‘ centro che controlla e regola l’illuminazione pubblica, la comunicazione e sorveglia il flusso in tempo reale…Ma non pensate che nelle nostre città ci sia solo tecnologia ! Sfortunatamente non abbiamo la raffinata vostra arte culinaria e neppure la vostra antica tradizione fatta di eleganza, fantasia e inventiva. Ci permettiamo un consiglio : portatele in evidenza accanto al Moretto, a Romanino, a Vivaldi, al filosofo Severino, a Benedetti Michelangeli e alla Mille Miglia, allo spiedo con la polenta, all’ottimo livello di qualche vostro settore. “

* Imprenditore

Ultimo aggiornamento il 17 Novembre 2020 07:58

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

9,50€
11,00
disponibile
16 nuovo da 9,50€
2 usato da 8,84€
Amazon.it
Spedizione gratuita
25,00€
disponibile
1 nuovo da 25,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
9,48€
11,99
non disponibile
20 nuovo da 8,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
19,99€
disponibile
1 nuovo da 19,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 17 Novembre 2020 07:58

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome