⚠️⚠️⚠️ CORONAVIRUS, mascherine FFP2 e FFP3: cosa sono e a che servono

Una guida sulle mascherine FFP: le uniche che garantiscono una protezione davvero efficace contro il contagio da Coronavirus - Covid-19

29
Una mascherina FFP3, foto generica

Di questi tempi – con l’epidemia di in atto – si fa un gran parlare di FFP2 e FFP3, che sarebbero le uniche a garantire una protezione adeguata contro il nuovo virus. E’ così? Dopo aver preparato e pubblicato una breve guida sulle mascherine contro il Covid-19 oggi abbiamo deciso di fornire un approfondimento ai nostri lettori sulle maschere filtranti FFP2 e FFP3.

Nella scelta di una mascherina è importante tenere in considerazione la propria esigenza specifica e la premessa che, se non indossate correttamente, non servono a niente. Le mascherine oggi in commercio hanno funzioni e categorie differenti a seconda del luogo di lavoro (ambienti polverosi, con alto livello di fumo o gas e via dicendo) e del tasso di ossigeno presente (se è meno del 17% servono le isolanti). Esistono poi addirittura mascherine filtranti prodotte in deroga, che hanno parametri non troppo diversi da quelle fatte in casa e dalle sciarpe. Contro i virus (compreso il Covid19) e contro polvere e altre particelle le mascherine più efficaci sono le usa e getta FFP1, le FFP2 e le FFP3.

(articolo aggiornato 27.04.2020, con revisione dell’esperto Giorgio Taglietti, e riaggiornato il 05.11.2020)

MASCHERINE FFP, ISTRUZIONI PER L’USO

La signa FFP sta per “Filtering Facepiece Particles”, che tradotto in italiano significa “Facciale filtrante contro le particelle”. Le mascherine FFP vanno usate quando il tasso di ossigeno nell’ambiente è superiore al 17% (dunque quando ci si trova in ambienti in cui è possibile respirare in autonomia) e l’agene contanimante è noto (e l’odore rilevabile). Si tratta di dispositivi utili contro le particelle fini, la polvere e alcuni virus.

L’efficacia delle mascherine FFP si misura sulla base del tasso di filtraggio e della perdita verso l’interno. Secondo la norma EN 149 sono tre le classi di efficienza filtrante per questo tipo di maschere: FFP1, FFP2, FFP3. Per i tipi di inquinananti filtrati da ogni mascherina specifichiamo che si tratta di indicazioni generiche: in caso di esigenze specifiche vi rimandiamo comunque alle tabelle di Tlv.

NIENTE VALVOLA CONTRO IL CORONAVIRUS

Alcune sono dotate di valvola, altre no. La valvola serve a garantire maggiore comfort, ad evitare la formazione di condensa interna, a non appannare gli occhiali e a favorire le fasi di respirazione. Ma è sconsigliata la valvola in pazienti malati o potenzialmente malati per evitare il contagio.

CONTRO IL CORONA E’ MEGLIO LA MASCHERA COMPLETA

Un’altra variante – altrettanto importante – è la forma della semimaschera o della maschera completa. La semimaschera (o a cartuccia) copre naso, bocca e mento (è costituita da cinghie di fissaggio, valvole espiratorie ed inspiratorie e di un raccordo per il fissaggio dei filtri o del dispositivo per l’apporto d’aria) garantendo un ampio campo visivo. Mentre la maschera completa (o a pieno facciale) è utilizzata in caso di rischi alla zona degli occhi: per questo contro il Coronavirus – soprattutto in ambienti ad alto rischio – è l’unica consigliata. E’ costituita da una bardatura, un oculare, delle valvole espiratorie e inspiratorie e da un raccordo per fissare i filtri o un dispositivo per l’apporto d’aria.

MASCHERINE FFP1: COSA SONO E A CHE SERVONO

Le maschere usa e getta FFP1 sono utili contro particelle fini e polveri, come silice, cemeento, metalli, zolfo e via dicendo. Sono disponibili con o senza valvola e sono indicate soprattutto per lavori di bricolage e nelle industrie tessili, metallurgiche, della falegnameria e via dicendo. Secondo le informazioni oggi disponibili non sarebbero particolarmente efficaci per evitare di contagiare e di essere contagiati dal Coronavirus. Ma in assenza di altro sono comunque utili, come del resto le normali mascherine chirurgiche, che consentono non di evitare le particelle rilasciate nell’aria da starnuti e tosse, ma almeno grossi esecreti e sputacchi (vettori del Covid-19).

MASCHERINE FFP2: COSA SONO E A CHE SERVONO

Le maschere FFP2 sono indicate per difendersi da darticelle fini e tossiche, come quarzo, metalli, muffe, batteri e virus, come il Coronavirus. Anche queste sono disponibili con o senza valvola e sono utili per chi lavora nel trattamento di acque reflue o rifiuti, cave, miniere e lavorazione metalli. Secondo tutte le fonti sono utili ed efficaci per proteggersi dal Coronavirus.

MASCHERINE FFP3: COSA SONO E A CHE SERVONO

Le mascherine FFP3 sono sempre date di valvole e consentono a chi le indossa correttamente di difendersi efficacemente da particelle pericolose e cancerogene, come piombo, spore, pesticidi e virus. Sono ideali per chi lavora con l’amianto, ma proteggono anche contro la legionella (per tempi brevi) e contro virus come l’influenza aviaria, l’influenza A / H1N1, la SARS, la tubercolosi e il Coronavirus.

LE MASCHERINE MONOUSO: DOPO QUANTO CAMBIARLE

Le maschere FFP2 e FFP3 sono generalmente monouso, cioè garantiscono piena efficacia solo rispettando determinate prescrizioni di uso e temporali. Dunque hanno vita limitata (hanno inolltre una scadenza). In secondo luogo vanno gettate dopo ogni utilizzo in ambienti a rischio: la durata della loro efficacia varia a seconda del livello di esposizione. Ma – è importante sottolinearlo – l’aggiornamento della norma EN149 ha introdotto per il costruttore l’obbligo di indicare sui facciali le lettere NR o R, che indicano se sono non riutilizzabili (quindi monouso) o riutilizzabili: in quest’ultimo caso i facciali si possono dunque utilizzare più volte previa corretta disinfezione. E comunque – come evidenziato da fonti ufficiali – esistono metodi, scientificamente validati, per rigenerare le mascherine (anche le monouso), a disposizione di professionisti del settore medicale e affini. Tutte le maschere perdono efficacia se conservate in ambienti polverosi e se sono danneggiate.

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

16,90€
17,50
disponibile
2 nuovo da 16,90€
17,16€
21,88
disponibile
1 nuovo da 17,16€
Amazon.it
Spedizione gratuita
38,95€
53,95
disponibile
1 nuovo da 38,95€
Amazon.it
Spedizione gratuita
28,90€
29,99
disponibile
2 nuovo da 27,90€
1 usato da 28,32€
Amazon.it
Spedizione gratuita
71,95€
99,95
disponibile
2 nuovo da 71,95€
Amazon.it
Spedizione gratuita
59,00€
69,00
disponibile
6 nuovo da 59,00€
4 usato da 47,90€
Amazon.it
Spedizione gratuita
13,99€
disponibile
2 nuovo da 13,99€
59,90€
disponibile
4 nuovo da 59,90€
3 usato da 54,03€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 3 Dicembre 2020 19:09

 

 

Comments

comments

29 Commenti

  1. […] Le mascherine antismog, le mascherine antipolvere, le mascherine per saldatori e le FFP1, offrono soltanto una blanda protezione contro la diffusione del contagio da parte di persone malate. Le mascherine chirurgiche, in particolare, sono dispositivi medici (solitamente marcati CE, certificazione che attesta la rispondenza alla Direttiva 93/42/CE, o comunque di pari livello) progettati per proteggere i pazienti in situazioni specifiche, come un’operazione chirurgiche, ma non proteggono il medico o l’infermiere che le utilizza, poiché non hanno un bordo di tenuta sul viso e non comprendono un sistema filtrante. Possono essere comunque utili per bloccare il virus sospeso nell’aria con starnuti e tosse (in molti reparti ospedalieri bresciani – ovviamente non in quelli “di frontiera” – i medici indossano queste) ma non sono sufficienti a garantire una sicurezza totale a chi vuole o deve difendersi dal Coronavirus.  Quando l’obiettivo è proteggere se stessi dai virus, infatti, bisogna indossare le mascherine – purtroppo più costose – mascherine FFP2 o FFP3, su cui trovate un approfondimento qui. […]

  2. voglio capire la mascherina ffp2 se uno la usa tutto il giorno va buttata e presa un altra oppure tiene una durata? e quanto?visto che so che si puo tenere al massimo 4-5 ore che mi dite voi posso saperlo?perche siete molto vaghi su questo sia la sanità e chi la produce….sicuramente avete capito perche ve lo chiedo …..voglio sapere una esatta inf-

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome