La sfida del Covid: un mondo più eguale | di Paolo Pagani*

Uno dei problemi, se non il problema, del mondo preCovid era il continuo allargarsi delle disuguaglianze...

0
Paolo Pagani, opinionista Bsnews.it

di * – Uno dei problemi, se non il problema, del mondo preCovid era il continuo allargarsi delle disuguaglianze. Nei trent’anni ingloriosi si è verificato lo spostamento più grande della ricchezza, dai tempi della rivoluzione francese. Dopo secoli il mondo si è accorciato, pericolosamente. Basti dire che poche decine di persone possiedono un reddito pari a quello di oltre 3 miliardi di abitanti della Terra. 

Ebbene, con il Covid questa tendenza ha subito una nuova accelerazione. Non un pericoloso bolscevico, ma Carlo Rovelli, collaboratore del Corriere, scrive che “il peso economico per salvare la vita dei nostri concittadini lo stanno pagando in molti, mentre una fascia più ricca si sta arricchendo ancora di più.”
Il valore delle azioni di Amazon si è raddoppiato, i depositi bancari, in Italia, in ottobre sono aumentati del 9,5% rispetto al 2019.
Il conto della pandemia, per adesso, è a carico del debito pubblico. Non può essere così in eterno. Bisogna decidere chi parteciperà a questo sforzo collettivo. Non è più eludibile, almeno per la sinistra, il tema di un riequilibrio, di una ridistribuzione dei redditi. 
Per questo la riforma fiscale non potrà che essere centrale nelle prossime leggi di bilancio. Non si tratta di far piangere i ricchi, ma l’introduzione di un’imposta patrimoniale (che unifichi tutte le minipatrimoniali esistenti) a basse aliquote progressive, il ripristino di una tassa di successione liberale e la ridefinizione degli scaglioni Irpef devono diventare gli imperativi categorici di una sinistra riformista. In caso contrario la destra continuerà ad avere davanti a sé praterie per praticare il sovversivismo delle classi dirigenti e far sì che i poveri continuino a votare per i ricchi, dalle cui tasche gocciolanti non arriverà mai niente, diversamente da quanto ancora sostengono i teorici del trickle-down.
È evidente che una politica siffatta non può che partire dall’alto, ma, anche in basso, negli enti locali, è necessario orientare le politiche, e i prossimi bilanci, in questa direzione. Non ci sono ampi margini di manovra, per come è strutturata la finanza locale, ma rivedere imposte e tariffe, facendo pagare di più chi ha di più mi sembra una strada da esplorare. Insieme alla sperimentazione di forme di reddito universale di base.
In passato il municipalismo riformista, anche a Brescia, penso a quello socialista del primo dopoguerra e a quello dell’Ulivo, ha avuto, in questo senso, una forza mimetica.
Sarebbe un bel segnale se, in terra bresciana, il Covid venisse interpretato come il kairos, il tempo opportuno, per cominciare a disegnare un mondo nuovo che imbocchi a ritroso la via percorsa in questi ultimi quarant’anni.

* segretario provinciale di Articolo UNO di Brescia 

Ultimo aggiornamento il 22 Novembre 2020 10:13

MASCHERINE CONTRO IL , LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

25,00€
disponibile
1 nuovo da 25,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
9,40€
11,99
non disponibile
20 nuovo da 8,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
19,99€
non disponibile
1 nuovo da 19,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 22 Novembre 2020 10:13

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome