🔴 A2A regala buoni di Amazon, piovono le critiche: “Sostenete i nostri commercianti”

A sollevare il caso è stata per prima Confcommercio Lombardia, che in una nota parla di "iniziativa che ci lascia perplessi, soprattutto in un momento in cui il commercio fisico è in fortissima difficoltà e sta facendo di tutto per riprendersi"

0
Il nuovo centro Amazon di Castegnato, foto da ufficio stampa

E’ polemica per l’iniziativa di Energia, che in occasione delle festività natalizie ha lanciato una campagna promozionale in cui vengono regalati ai clienti buoni da spendere nella popolare piattaforma di e-commerce .

A sollevare il caso è stata per prima Confcommercio Lombardia, che in una nota parla di “iniziativa che ci lascia perplessi, soprattutto in un momento in cui il fisico è in fortissima difficoltà e sta facendo di tutto per riprendersi”. I numeri sono davvero pesanti: nel 2020 – come ha stimato l’Ufficio Studi dell’organizzazione – le spese di natale crolleranno infatti del 18%, lasciando sul terreno 1 miliardo e 700 milioni rispetto al 2019.

“Ferma restando la libertà sulle scelte di marketing – continua l’associazione – ci lascia interdetti che sia una partecipata a maggioranza pubblica a promozionare un’iniziativa di questo genere, quando gli stessi Comuni, per stanziare risorse a sostegno del commercio fisico, stanno raschiando il fondo del barile. (…) E’ evidente come il commercio online abbia approfittato della situazione di emergenza per erodere quote di mercato ai negozi fisici, spesso in una cornice di forte sbilanciamento delle regole fiscali: alla luce di tutto ciò – conclude Confcommercio Lombardia – c’era davvero bisogno di una promozione come questa? O non sarebbe stato meglio dare vita ad una promozione che prevedesse piuttosto, oltre ad un buono sconto negli esercizi fisici, l’istituzione di un fondo a sostegno delle attività commerciali delle proprie città e che potesse rendere più attrattivi i territori?”.

Ma sulla questione sono intervenuti anche la deputata leghista e l’assessore regionale all’Agricoltura .

Bordonali, in particolare, ha annunciato un’interrogazione parlamentare sulla questione. E ha commentato: “Il commercio locale, in ginocchio a causa delle restrizioni dovute alle misure contro l’epidemia, ha bisogno di interventi mirati al rilancio delle attività. In quest’ottica la scelta di A2A Energia di regalare buoni Amazon di 150 euro ai nuovi clienti, sembra dimenticare il momento che vive la nostra comunità. Nessuno mette in discussione le scelte di un’azienda in campo di marketing ma, in occasione delle festività, ci saremmo aspettati dal Comune iniziative per appoggiare il commercio locale dal momento che è azionario al 20% di A2A e l’amministrazione è tenuta a rappresentare le esigenze delle associazioni del territorio, cosa che sembra non fare. Le nostre imprese non ce la fanno a competere con le grandi multinazionali del commercio online e auspichiamo che l’appoggio ai negozi locali, annunciato sui social dal sindaco Emilio Del Bono, sia tradotto in interventi concreti e scelga di stare dalla parte di tanti commercianti e famiglie bresciane, che stanno rischiando di chiudere la saracinesca”.

Duro anche il compagno di partito. “Apprendiamo dalla stampa dell’iniziativa di A2a volta a regalare buoni spesa Amazon ai nuovi clienti – scrive in una nota Rolfi – Una follia in un periodo di difficoltà per i nostri commercianti e di grandi guadagni per i colossi dell’e-commerce. Uno schiaffo a chi rischia di chiudere la propria attività. Mentre la Regione Lombardia investe 167 milioni di euro per aiutare commercianti e professionisti ci sono partecipate a maggioranza pubblica che vanno nella direzione opposta. Sono totalmente dalla parte di Confcommercio Lombardia: si tratta di una iniziativa inopportuna e sbagliata. I nostri commercianti vanno aiutati anche nelle scelte di consumo. Stupisce – conclude Rolfi – che a promuovere questo messaggio sia una società controllata dai comuni di Brescia e Milano, con manager scelti da Del Bono e Sala. Mi auguro che i sindaci si facciano sentire e che la società faccia una retromarcia, magari investendo le risorse per aiutare i nostri commercianti.

Sul tema del commercio locale, si registra in queste anche la proposta di Forza Italia, che ha deciso di lanciare la campagna #IoComproaBrescia.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DELL’INIZIATIVA DI FORZA ITALIA

Una campagna a sostegno del commercio locale. E’ quella lanciata da Forza Italia Brescia con lo slogan #IoComproaBrescia.
Un invito a tutti i cittadini a fare acquisti nei negozi che si trovano sul territorio comunale per sostenere i commercianti che hanno sofferto e stanno soffrendo le conseguenze della crisi epidemiologica da Covid-19. E’ un appello perché oggi abbiamo bisogno di sostenere con forza il tessuto economico e commerciale del nostro territorio!!!
Dobbiamo fare in modo che le botteghe e i negozi gestiti dai nostri concittadini non chiudano. Per questo vorremmo che ogni cittadino, impresa, associazione … prima di fare un acquisto valutasse bene dove farlo, magari anche cambiando leggermente le proprie abitudini se necessario, per dare una mano alla propria città.
Invitiamo tutti a riscoprire il piacere di avere un negoziante di fiducia, a respirare il clima di familiarità che c’è all’interno delle nostre botteghe.
Questi aspetti oggi assumono un valore ancora superiore perché sono quelli che contribuiscono alla coesione di un territorio e al rilancio economico di un settore che più di altri ha subito gli effetti dell’epidemia.
Per tale ragione, a seguito anche di quanto evidenziato da Confcommercio Lombardia, ed alla replica di A2A, riteniamo sia doveroso che il Comune di Brescia inviti nelle Commissioni Bilancio e Commercio il responsabile marketing della società, per spiegare senza partitiche, le motivazioni di tale scelta anche se risalente al 2018.
E’ necessario “integrare” l’accordo facendo rete e sinergia con le associazioni di categoria per identificare il modus operandi corretto affinchè nella promozione di A2A possano rientrare appieno anche i nostri commercianti e artigiani. Chiediamo altresì ad A2A di sospendere sino al 7 Gennaio 2021 per le piccole attività commerciali e artigianali in difficoltà collocate in zona rossa e arancione le azioni di sospensione/riduzione delle forniture (GAS, Luce, Acqua e Teleriscaldamento) dovute alla morosità.
Come FI Brescia, invieremo al Presidente del Consiglio Comunale un odg che vada in questa direzione. Oggi più che mai bisogna che pubblico e privato dialoghino nell’ottica concreta di dare un riscontro positivo a chi tutti i giorni si trova a battagliare per arrivare a fine mese.

(Coordinatore Cittadino)
Paola Vilardi (Capogruppo FI Consiglio Comunale)
Flavio Bonardi (Vice Coordinatore Cittadino)
Marco Rossi (Vice Coordinatore Cittadino)
Marco Salvo (Vice Coordinatore Cittadino)

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

STM Mascherine FFP2 certificate 25 pezzi
35,45€
disponibile
3 new from 35,45€
MASCHERINA MASCHERA FFP3 - DOC - CERTIFICATA CE - 20PZ
74,99€
89,00€
disponibile
2 new from 74,99€
Ultimo aggiornamento il

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome