Ma Babbo Natale e Santa Lucia… di chi sono? | 🟢 BRESCIA VISTA DALLA PSICOLOGA

Cari Lettori questo articolo prosegue l’esplorazione ed il focus group realizzato con il primo lavoro su cosa pensano i nostri bambini bresciani riguardo le festività in tempo di Covid-19 e pubblicato su questa rubrica domenica scorsa, esattamente il giorno di Santa Lucia

0
Doriana Galderisi, opinionista BsNews

MA BABBO E SANTA LUCIA… DI CHI SONO? “SANTA SURVEY”: GRANDI E PICCOLI DI FRONTE AL MISTERO E ALLA MAGIA DEL NATALE

di Doriana Galdrisi* –  Cari Lettori questo articolo prosegue l’esplorazione ed il focus group realizzato con il primo lavoro su cosa pensano i nostri bambini bresciani riguardo le festività in tempo di Covid-19 e pubblicato su questa rubrica domenica scorsa, esattamente il giorno di Santa Lucia.

Come ho avuto modo di dire in alcune occasioni anche pubbliche, questo lavoro è stato talmente entusiasmante per tutti coloro che vi hanno partecipato che, ad un certo punto, i nostri interlocutori non erano più solo i bimbi, ma anche i genitori e gli adulti, che hanno iniziato a raccontare della propria Santa Lucia, di come la ricordano nell’infanzia, di come hanno vissuto quella magia e dei vissuti provati una volta scoperto l’”inganno”, oltre a narrare come da genitori oggi vivono e partecipano alla sempre grande magia dell’arrivo di Santa Lucia e Babbo Natale per i propri bambini.

Alcune mamme di bambini di età compresa tra i 5 e i 14 anni così rispondono ad una serie di domande:

-Secondo lei fino a che età i bambini dovrebbero credere in Santa Lucia e Babbo Natale?

-Secondo lei il suo bambino sa chi è veramente Santa Lucia e Babbo Natale? Se sì come l’ha scoperto?

Se no lei genitore come si comporta? Fa finta di nulla o ha cercato di dare delle spiegazioni?

-Lei come genitore quando e come ha scoperto quando era piccolo chi era Santa Lucia e Babbo Natale?

L’elemento di spicco in tutte le testimonianze è l’attenzione per la magia che, a detta di tutti i genitori,  andrebbe protratta il più a lungo possibile, il desiderio di arricchire la fantasia dei bambini e di conservare il loro stupore. Di seguito le parole di tre mamme:

“Dovrebbero crederci per tutta la vita…” (mamma di una bambina di 11 anni)

“Non vorrei mai rompere la magia per il mio bambino…finchè c’è la magia lasciamoglielo credere…” (mamma di un bambino di 13 anni)

“Non bisogna dubitare della magia, della fantasia e della felicità” (mamma di una bambina di 11 anni)

  • Ma fino a che età è giusto che un bambino creda a Babbo Natale o a S. Lucia?

Questa domanda ha messo un po’ in crisi i genitori che, se da un lato, ritengono non sia il caso di svelare troppo presto chi è Babbo Natale e Santa Lucia, dall’altro lato, sono consapevoli che la scoperta della realtà avviene nei bambini anche al di là del dialogo in famiglia.

I genitori osservano come i bambini fino a 5-6 anni siano di un’ingenuità molto pura per cui credono ciecamente a queste figure magiche. A rendere questa credenza così radicata contribuiscono tutte le azioni concrete che vengono messe in atto in funzione del rituale atteso. Ricordiamo che i bambini molto piccoli hanno un pensiero cosiddetto “concreto”, cioè comprendono prevalentemente ciò che vedono e pertanto scrivere la letterina, vedere la cassetta dove la si imbuca, preparare il fieno per l’asinello per Santa Lucia o i biscotti e il latte per far rifocillare Babbo Natale, piuttosto che andare in internet a vedere dove vive Babbo Natale in Lapponia, rendono tutto assolutamente credibile.

In questo senso l’atteggiamento del genitore cavalca una caratteristica del funzionamento cognitivo dei bambini a questa età, ovvero la presenza del cosiddetto “pensiero magico” che riveste una connotazione fortemente emotiva ed assolve alla funzione di proteggere il bambino dalla paura che manifesta per le cose e le esperienze nuove, aiutandolo ad affrontare situazioni che provocano angoscia o insicurezza.

I genitori tendono comunque a ritenere che sia preferibile protrarre il più a lungo possibile questa illusione fantastica anche perché ciò viene percepito dai genitori stessi come un elemento molto rasserenante per i bambini e nello stesso tempo rappresenta per gli adulti un modo per entrare in una relazione molto speciale con i propri piccoli durante le festività natalizie.  Sebbene gli adulti non lo dicano espressamente, tra le righe si coglie che è poi la vita a sfatare tanti sogni ed a mettere ciascuno di fronte alla realtà. In effetti, da un punto di vista tecnico-psicologico, è proprio il trend maturativo naturale, cosiddetto fisiologico, della mente infantile, in altre parole, il “cambio di registro” mentale che provvede un po’ da sé a far scoperchiare le pentole.

Effettivamente spesso i bambini scoprono la verità su Santa Lucia e Babbo Natale più gradatamente di quello che si tende a pensare o anche rispetto a ciò che i bambini stessi dicono. Ciò avviene perché i piccoli sono bravi a cogliere degli indizi, come se vestissero i panni di piccoli “Sherlock Holmes”.

A volte il segreto è svelato da un fratello, da un amico più grande, dai compagni di scuola, a volte sono i genitori che commettono piccole disattenzioni per cui sono scoperti.

In alcuni casi i bambini scoprono le carte dei regali, trovano i regali nascosti nel fondo degli armadi, sorprendono i genitori a mangiare i loro biscotti mentre li preparano, vedono gli adulti mentre allestiscono di notte in fretta e furia la sala. A volte il segreto è svelato da un fratello, da un amico più grande, dai compagni di scuola.

A tal proposito una mamma ricorda questo aneddoto: “una notte di Santa Lucia di tanti anni fa, quando mia figlia aveva circa 7 anni, mentre io ero indaffarata a creare l’atmosfera di Babbo Natale, la bambina si alzò all’improvviso di notte e mi sorprese. Io feci subito finta di essermi spaventata tanto quanto lei in quel momento e così le dissi <Scappiamo, scappiamo a letto perché altrimenti qui Babbo Natale non arriva> e la bambina ripetè quasi come un eco <Scappiamo, scappiamo a letto perché altrimenti qui Babbo Natale non arriva>. La mamma ricorda questo episodio con una piacevolezza commovente.

Il papà di un bambino di 7 anni ha raccontato che in questi giorni il figlioletto era molto preoccupato per l’arrivo di Santa Lucia, temendo che la Santa non potesse trovare la stanza dove lasciare i doni in quanto la mamma era isolata in un’altra zona della casa perché positiva al Covid-19. Il papà consigliò al bambino di scrivere una seconda letterina a Santa Lucia per avvisarla in quale stanza della casa depositare i regali, cosa che il bambino fece immediatamente ed in seguito si tranquillizzò.

I genitori ritengono che il passaggio di ciclo scolastico, dalla scuola Primaria alla Media, rappresenti il periodo più adatto per scoprire la verità su Babbo Natale e Santa Lucia. Sicuramente l’età di 9 anni rappresenta un momento particolarmente positivo per la struttura di pensiero del bambino che inizia a tappe ad avvicinarsi al ragionamento degli adulti. Per questo motivo non è il caso di accelerare e di togliere la magia ai bambini anche perché sono i genitori stessi che intuiscono che attorno ai 9-10 anni è l’età giusta, età che coincide peraltro con lo shift critico del pensiero che diventa sempre più maturo, facendo un gran balzo in avanti nella costruzione della capacità di cominciare ad ipotizzare realtà non visibili.

  • Secondo lei il suo bambino sa chi è veramente Santa Lucia e Babbo Natale? Se sì come l’ha scoperto? Se no lei genitore come si comporta? Fa finta di nulla o ha cercato di dare delle spiegazioni?

La maggior parte dei genitori di bambini di età compresa tra 5 ed 8 anni ci ha riferito che i propri figli credono ancora in Santa Lucia e Babbo Natale. I genitori desiderano proprio trasmettere ai bambini il valore profondo di queste feste, creando attorno a queste ricorrenze un’atmosfera di leggerezza, incanto e mistero. La tendenza dei genitori è quella di preservare e custodire più a lungo possibile questa magia.

I genitori di bambini più grandi, dai 9 anni in su, riferiscono ancora una volta che per i propri figli la scoperta di Babbo Natale e Santa Lucia non è arrivata all’improvviso perché molti hanno raccontato che i bambini si accorgevano di piccoli indizi che li hanno portati sempre più a dubitare, fino alla scoperta della verità.

Una frase magica da dire ai bambini quando ci chiedono se Santa Lucia o Babbo Natale esistono davvero è quella che ci suggerisce la mamma di una bambina di 10 anni:

Io ho detto alla mia bambina di chiedere al suo cuore se esiste Santa Lucia e che tutto il resto non conta…”.

La testimonianza di questa mamma ci fa capire come l’adulto, con il suo atteggiamento di conservazione dell’illusione, consenta, da un lato, di mantenere l’illusione stessa, e, dall’altro, di entrare in un mondo molto vicino al bambino. Questa è una sorta di dinamica che assomiglia un po’ a ciò che avviene nel gioco tra bambini e che viene definita di “conservazione della bolla di inclusione”.

E gli adulti quali emozioni provano?

Le emozioni che gli adulti provano riflettono spesso le proprie, ovvero quelle provate nell’infanzia. Se i vissuti sono stati negativi il genitore attualmente cerca di creare per il proprio bambino la migliore delle situazioni possibili, mentre se, al contrario, sono state positive, vi è una partecipazione ed una volontà di ritrovare le emozioni passate.

La testimonianza di una signora, madre di due bambini rispettivamente di 2 e 6 anni ed in attesa di una bimba, trasmette in modo molto puro e genuino come la tradizione di Santa Lucia resista di generazione in generazione e rappresenti un giorno atteso anche per gli adulti.

“A 38 anni ci credo ancora…io da mia mamma ricevo ancora oggi un pensiero per la Santa Lucia”

I nostri genitori ci hanno raccontato di aver saputo dal coetaneo o dai fratelli più grandi chi era realmente Santa Lucia e Babbo Natale e per alcuni di loro ciò è stato fonte di grande delusione, tristezza e anche di vero e proprio schock come ci racconta la mamma di un bambino di 12 anni:

“io l’ho scoperto il giorno prima di Santa Lucia, me l’ha detto mio fratello. Ci sono rimasta davvero male, è stato uno schock, ha rovinato tutto

Ma la rivelazione su Santa Lucia o Babbo Natale non è sempre e solo dolorosa per i bambini.

A seconda di come viene gestita dai grandi, la rivelazione di Santa Lucia e Babbo Natale può rappresentare un momento di passaggio in cui far sentire il bambino “grande”, invitandolo a diventare complice degli adulti, ad esempio aiutandoli a creare la messinscena per i fratellini o le sorelline, diventando anch’esso depositario del segreto magico di Santa Lucia e di Babbo Natale.

Alcuni genitori hanno riferito anche i retroscena positivi dopo aver scoperto la verità su Santa Lucia.

La mamma di due bambine di 8 e 14 anni a questo proposito ci ha raccontato il seguente aneddoto della propria infanzia:

“Dopo aver scoperto di Santa Lucia sono stata bravissima con le mie amiche, ho saputo tenere il segreto dei grandi…di questa cosa vado molto fiera perché mai e poi mai avrei rovinato questa bellissima festa a nessun altro”

Bene, dopo questo excursus cari lettori…

“…JINGLE BELLS, JIINGLE BELLS,

JINGLE ALL THE WAY!

WHAT FUN IT IS TO RIDE IN A ONE-HORSE OPEN SLEIGH!”

E quindi…che magia sia! BUON NATALE A TUTTI! Alla prossima…!

CHI E’ DORIANA GALDERISI?

Doriana Galderisi è padovana d’origine e bresciana d’adozione: lavora nel campo della psicologia da più di 27 anni con uno studio in via Foscolo, a Brescia. Esperta in: Psicologia e Psicopatologia del Comportamento Sessuale Tipico e Atipico, Psicologia Criminale Investigativa Forense, Psicologia Giuridica, Psicologia Scolastica, Psicologia dell’Età Evolutiva, Neuropsicologia. E’ inoltre autorizzata dall’ASL di Brescia per certificazioni DSA (Disturbi specifici di Apprendimento). E’ iscritta all’Albo dei CTU, all’Albo dei Periti presso il Tribunale Ordinario di Brescia e all’Albo Esperti in Sessuologia Tipica e Atipica Centro “il Ponte” Giunti-Firenze.

LEGGI TUTTE LE PUNTATE DELLA RUBRICA DI DORIANA GALDERISI CLICCANDO SU QUESTO LINK

MASCHERINE CONTRO IL , LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

Ultimo aggiornamento il 22 Gennaio 2021 18:09

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome