🔴🔴🔴 Bar aperti per protesta, istituzioni divise: “più controlli e multe”, “non puniteli”

Non è dato sapere quanti aderiranno (rispetto ai circa 8mila esercizi pubblici della leonessa), ma il conto rischia di essere molto caro: 400 euro di multa ad ogni cliente e al gestore, oltre alla possibile chiusura del locale dai 5 ai 30 giorni

0
Il pirlo bresciano, una variante dello spritz
Il pirlo bresciano, una variante dello spritz

Domani è il giorno della protesta. Molti bar e ristoranti, anche nel Bresciano, apriranno e serviranno regolarmente i clienti violando i decreti di legge, se pure – almeno secondo le intenzioni dei promotori – saranno rispettate le prescrizioni su distanziamento e mascherine e il coprifuoco delle 22.

Ma la protesta #ioapro1501 fa discutere. E sul fronte delle istituzioni la di Brescia, come tante altre, ha annunciato la linea dura, con un’intensificazione dei controlli sul territorio. Non è dato sapere quanti aderiranno (rispetto ai circa 8mila esercizi pubblici della leonessa), ma il conto rischia di essere molto caro: 400 euro di multa ad ogni cliente e al gestore, oltre alla possibile chiusura del locale dai 5 ai 30 giorni.

Ma dalla Regione, tramite l’assessore all’Agricoltura , arriva un appello affinché istituzioni e forze dell’ordine evitino “un atteggiamento punitivo contro chi vuole sopravvivere”.

“Abbiamo assistito nei giorni scorsi – spiega Rolfi in una nota – a centri commerciali presi d’assalto per l’inizio dei saldi, a piazze piene in alcune zone d’Italia per ricordare calciatori scomparsi, alla corsa allo shopping per il cashback di Stato. Il tutto senza raffiche di multe e senza controlli punitivi. I ristoratori che aderiscono all’iniziativa #ioapro1501 vogliono solo lavorare per sopravvivere e non vanno criminalizzati. È sacrosanto il richiamo al rispetto della legge, confine entro il quale bisogna limitare le proteste, ma in questa fase particolare penso sia giusto avere un minimo di tolleranza. Le istituzioni devono evitare un atteggiamento persecutorio nei confronti di queste attività che rappresentano una parte fondamentale dell’economia nazionale”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi Fabio Rolfi in merito all’iniziativa #ioapro1501 che si svolgerà domani. In provincia di Brescia ci sono 7.000 baristi e ristoratori, 50.000 in tutta la Lombardia, che hanno problemi a pagare affitto, stipendi, bollette e a mantenere la famiglia. Per evitare proteste sarebbe opportuno fare provvedimenti seri per i ristori e decreti lineari e coerenti. Le iniziative del governo si sono purtroppo rivelate inefficaci e le conseguenze sono evidenti. Scongiurare la chiusura definitiva di centinaia di migliaia di esercizi in Italia deve essere una priorità sociale oltre che economica. Il canale di , e hotel – conclude Rolfi – è infatti uno degli sbocchi principali di tutto il comparto agroindustriale che vale 540 miliardi di euro a livello nazionale e che vede la Lombardia al primo posto assoluto”.

MASCHERINE CONTRO IL , LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

MASCHERINA MASCHERA FFP3 - DOC - CERTIFICATA CE - 20PZ
74,99€
89,00€
disponibile
2 new from 74,99€
Ultimo aggiornamento il

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome