In Senato il Governo a quota 156, Conte “Rafforzare la maggioranza”

0
FOTO DA ITALPRESS

ROMA () – Via libera dall’Aula del Senato alla fiducia posta dal Governo sulle comunicazioni del premier Giuseppe Conte. I voti favorevoli sono stati 156, i contrari 140, gli astenuti 16. I senatori presenti erano 313, i votanti 312.
I senatori di Forza Italia Andrea Causin e Maria Rosaria Rossi hanno votato sì alla fiducia, contrariamente alle indicazioni del gruppo. Il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani ha poi annunciato che sono stati espulsi dal partito.

“Il Governo ottiene la fiducia anche al Senato. Ora l’obiettivo è rendere ancora più solida questa maggioranza. L’Italia non ha un minuto da perdere. Subito al lavoro per superare l’emergenza sanitaria e la crisi economica. Priorità a piano vaccini, Recovery Plan e dl ristori”, ha commentato su Twitter il premier Giuseppe Conte.

“Non avete mai trovato porte chiuse ma avete scelto la strada delle aggressioni e degli attacchi mediatici, questa scelta che avete fatto non significa investire sul futuro del Paese”, aveva detto il presidente del Consiglio nella replica in Senato, riferendosi alla scelta di Italia Viva di lasciare il Governo.
“Renzi nel suo intervento ha ricostruito le ragione di questa discussione sulla fiducia: non sembra che quando noi abbiamo trattato dei temi concreti non si sia trovata una soluzione – ha aggiunto -. Il Recovery Plan è stato elaborato in incontri bilaterali con tutti i ministri, anche le ministre di Italia Viva. Questi incontri non avevano risolto il problema di tirare fuori scelte strategiche, che si hanno con il confronto collegiale, un confronto che si può fare anche con toni cordiali, avremo potuto ritrovarci intorno ad un tavolo, e in una ventina di giorni potevamo dare al parlamento una versione aggiornata. Ma chi ha detto che non si poteva discutere? Il risultato è che ora noi dobbiamo sbrigarci”.
“Siamo in democrazia. Se i numeri non ci sono, questo governo va a casa, non va avanti”, ha sottolineato Conte, che ha proseguito: “Ma noi vi abbiamo chiesto ad aderire ad un progetto, con scelte chiari, sulla base di una collocazione europea. Un progetto per chi vuole definire con noi un patto di fine legislatura, su cui stavamo già lavorando e continueremo a lavorare se ci darete la fiducia”.
“Stiamo lavorando ad un patto di fine legislatura e se ci sarà la fiducia dovremmo lavorare ad un rafforzamento della squadra si governo”, ha sottolineato il premier, che ha concluso: “Voi parlate sempre di poltrone, ma io non mi vergogno di dire che sono seduto su queste poltrone, non ci si deve vergognare se ci si siede con disciplina e onore”.
(ITALPRESS).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments