🔴 Primario indagato per omicidio, a giugno diceva: “Sento ancora il fischio dei tubi dell’ossigeno”

In un'intervista, Mosca aveva raccontato la sua battaglia "per salvare più vite possibili", la fatica in trincea, i turni estenuanti, le telefonate alla moglie solo dopo le 21.30 ("a volte non telefonavo") e "la testa sempre all’ospedale, ai pazienti, al da farsi"

0
Carlo Mosca

“Lo sento ancora, anche ora che è tutto spento”. E il riferimento era al fischio angosciante dei tubi dell’ossigeno che tenevano in vita i pazienti malati di . A dirlo, in un’intervista rilasciata nel mese di giugno al Corriere della Sera, era stato Carlo Mosca, primario reggente del pronto soccorso dell’ospedale di Montichiari oggi ai domiciliari con l’accusa di aver fatto iniezioni letali a due pazienti di 61 e 80 anni.

Nella stessa intervista, Mosca aveva raccontato la sua battaglia “per salvare più vite possibili”, la fatica in trincea, i turni estenuanti, le telefonate alla moglie solo dopo le 21.30 (“a volte non telefonavo”) e “la testa sempre all’ospedale, ai pazienti, al da farsi”, trascurando la figlia. Una fatica comune a molti operatori sanitari, che in primavera si erano trovati a combattere in prima linea, a mani nude, contro il nemico terribile e allora sconosciuto del virus.

Mosca, originario di Cremona, aveva lavorato al Civile e poi a Mantova. Nel 2017 era approdato a Montichiari e l’anno dopo era diventato primario reggente del Pronto soccorso. Era toccato a lui gestire in quell’ospedale la prima ondata di Coronavirus, quando i posti letto non bastavano mai, la paura era tanta e i pazienti – arrivati in condizioni disperate – morivano a decine.

Ora, però, il primario è accusato di omicidio volontario. E l’ombra terribile – ovviamente da dimostrare – è quella che abbia iniettato farmaci letali ai pazienti non per salvarli ma per ucciderli “per liberare letti”, come si leggerebbe in un sms di un infermiere a un collega. “Anche a voi ha chiesto di somministrare i farmaci senza intubarli? Io non ci sto a uccidere questi solo perché vuole liberare i letti”, così – secondo quanto riporta il Corriere della Sera – recita in un messaggio agli atti dell’ordinanza.

Veramente è andata così? Non lo sappiamo ed è doveroso riferire che l’accusato nega ogni addebito, riferendo – come riportano tutti i media nazionali – di non aver mai somministrato quelle cure. Sarà chi di dovere a stabilire la verità.

La certezza – comunque, a prescindere da come si concluderà questa vicenda – è che le proporzioni della tragedia che si è consumata in tutto il Bresciano in primavera sono molto maggiori di quanto coloro che non ne sono stati toccati direttamente hanno percepito. E il dramma ha lasciato ferite profonde, anche a livello psicologico, su , infermieri e parenti delle vittime.

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

STM Mascherine FFP2 certificate CE sigillate singolarmente (25 pezzi)
33,95€
34,95€
disponibile
3 new from 33,95€
2 used from 27,29€
MASCHERINA MASCHERA FFP3 - DOC - CERTIFICATA CE - 20PZ
72,00€
74,99€
disponibile
3 new from 72,00€
1 used from 66,96€
Ultimo aggiornamento il 3 Febbraio 2021 18:52

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome