Legambiente, Mal’aria 2021: a Brescia Pm10 oltre i limiti per 62 giorni

A guidare la grigia classifica è Torino con 98 giorni di sforamenti registrati nella centralina Grassi

0
Panorama di Brescia
L'aria grigia del panorama di Brescia

Compare anche Brescia tra le 35 città capoluogo di provincia che hanno superato il limite per le polveri sottili per oltre 35 giorni almeno con una centralina (il limite per le Pm10 è 50 microgrammi/metro cubo) secondo il dossier Mal’aria 2021 presentato da . Il rapporto ogni anno analizza i dati dei superamenti dei livelli di polveri sottili nelle città capoluogo di provincia.

A guidare la grigia classifica è Torino con 98 giorni di sforamenti registrati nella centralina Grassi, seguita da Venezia con 88, Padova (Arcella) 84, Rovigo (Largo Martiri) 83 e Treviso (via Lancieri) con 80.

Brescia ne conta 62.

Ma se i giorni di superamento del Pm10 sono un campanello d’allarme dello , – spiega Legambiente in un comunicato inviato alla stampa – le medie annuali rappresentano la cronicità dell’ e sono il parametro di riferimento per la tutela della salute, come indicato dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che stabilisce in 20 microgrammi per metro cubo la media annuale per il Pm10 da non superare.
In questo caso le città italiane che hanno fatto registrare una media annuale superiore a quanto indicato dall’OMS sarebbero 60 (il 62% del campione analizzato).

Sempre in testa Torino con 35 microgrammi/mc come media annuale di tutte le centraline urbane del capoluogo, seguita da Milano, Padova e Rovigo (34µg/mc), Venezia e Treviso (33 µg/mc), Cremona, Lodi, Vicenza, Modena e Verona (32 µg/mc).

«Paghiamo ancora lo scotto dell’inadeguatezza dell’Accordo di bacino padano, stipulato ormai più di 5 anni fa – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia -. Il Piano era partito debole e poco ambizioso fin dall’origine ed è stato puntualmente disatteso a furia di deroghe da parte di Regioni e Comuni, che non sono state in grado né di pianificare e realizzare il cambiamento previsto e programmato, né di controllare che le poche misure adottate venissero quantomeno rispettate. La pandemia, poi, è stata usata come scusante per fermare anche i processi positivi in atto».

Sono quindi anche queste le ragioni per cui Legambiente Lombardia ha inscenato un flashmob dimostrativo davanti a Palazzo Lombardia a Milano, consegnando un assegno in bianco destinato all’Unione Europea a firma della Regione Lombardia, per sanare le infrazioni causate da misure insufficienti adottate per contrastare l’inquinamento atmosferico.

Dura la risposta di Raffaele Cattaneo, assessore all’Ambiente e clima di Regione Lombardia: «Più che le suggestioni e le insinuazioni contano i fatti. La qualità dell’aria in Lombardia è in continuo miglioramento. Legambiente dice che ‘le medie annuali rappresentano la cronicità dell’inquinamento e sono parametro di riferimento per la tutela della salute’. Finge di ignorare che Regione Lombardia per le medie è rispettosa da anni dei valori limite imposti dell’Unione Europea. Legambiente indica invece valori dell’Organizzazione mondiale della sanità, che non hanno valore normativo».

I numeri del dossier Mal’aria 2021

Tabella 1. Classifica dei capoluoghi di provincia che hanno superato con almeno una centralina urbana la soglia limite di polveri sottili alla data del 31 dicembre 2020; il D.lgs. 155/2010 prevede un numero massimo di 35 giorni/anno con concentrazioni superiori a 50 μg/m3.

 

Città Centralina (tipologia) Giorni superamento
Milano Marche (T.U) 79
Cremona Via Fatebenefratelli (F.U) 78
Mantova Gramsci (T.U) 66
Monza Via Machiavelli (F.U) 66
Pavia Piazza Minerva (T.U) 64
Brescia Villaggio Sereno (F.U) 62
Lodi Viale Vignati (T.U) 59
Bergamo Via Garibaldi (T.U) 46
Como Centro Viale Cattaneo (T.U) 46

 

Tabella 2. Classifica dei capoluoghi di provincia che nel 2020 hanno superato il valore medio annuale suggerito dalle Linee guida dell’OMS per le polveri sottili (Pm10). Le Linee guida dell’OMS prevedono una media annuale di 20 μg/m3 all’anno per la tutela della salute. Fonte dati: ARPA Lombardia

 

Città Media annuale
Milano 34
Cremona 32
Lodi 32
Mantova 31
Monza 31
Pavia 31
Brescia 31
Bergamo 28
Como 28
Varese 23
Lecco 21

 

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

STM Mascherine FFP2 certificate CE sigillate singolarmente (25 pezzi)
32,50€
34,95€
disponibile
3 new from 32,50€
1 used from 30,23€
MASCHERINA MASCHERA FFP3 - DOC - CERTIFICATA CE - 20PZ
72,00€
74,99€
disponibile
3 new from 69,90€
1 used from 66,96€
Ultimo aggiornamento il 5 Febbraio 2021 16:48

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome