Tutto quello che c’è da sapere sugli esercizi di Kegel

Gli esercizi di Kegel sono finalizzati a rendere più tonico i muscoli del pavimento pelvico, e si basano proprio sulla loro contrazione e sul loro rilassamento. Per saperne di più in merito, ci siamo rivolti al team di AMioAgio.

0
Esercizi di Kegel, foto da ufficio stampa (libera da diritti)

Gli esercizi di Kegel sono finalizzati a rendere più tonico i muscoli del pavimento pelvico, e si basano proprio sulla loro contrazione e sul loro rilassamento. Per saperne di più in merito, ci siamo rivolti al team di AMioAgio.

Prima di tutto, che cos’è il pavimento pelvico?

Si tratta di un insieme di legamenti e di muscoli grazie a cui il retto, la vagina, l’utero, l’uretra e la vescica possono essere mantenuti in una posizione corretta. Il pavimento pelvico chiude la parte bassa della cavità addominale, e purtroppo tende a diventare sempre più debole a mano a mano che gli anni passano, in modo particolare con l’arrivo della menopausa. Gli esercizi di kegel sul sito di AMioAgio servono a combattere questa tendenza. AMioAgio è il marchio di riferimento per tutti coloro che sono alla ricerca di prodotti per la medicazione, per l’autodiagnosi o per l’igiene della persona: il catalogo che si può visualizzare sul sito amioagio.it mette a disposizione un vasto assortimento di prodotti per soggetti di tutte le età.

Si possono considerare gli esercizi di Kegel come una sorta di fitness per le parti intime?

Certo che sì, anche se solo 3 donne su 10 sanno come metterli in pratica e in quali circostanze. Eppure non si dovrebbe rinunciare a questo tipo di allenamento. Rinforzare i muscoli del pavimento pelvico, infatti, contribuisce a favorire una vita sessuale più appagante, ma ha anche altri effetti benefici: per esempio aiuta a tenere sotto controllo o a prevenire diversi disturbi, tra i quali l’incontinenza urinaria. D’altro canto, ogni muscolo del corpo umano dovrebbe essere allenato: come si lavora per aumentare la tonicità delle braccia o dei glutei, così si dovrebbe fare per la muscolatura pelvica, anche se in tema di salute intima delle donne sono ancora tanti i tabù che devono essere contrastati.

In concreto, che cosa prevedono gli esercizi di Kegel?

Al fine di conseguire i risultati desiderati, è importante focalizzarsi unicamente sulla contrazione dei muscoli pelvici: ciò vuol dire che occorre evitare di flettere i muscoli dei glutei, delle cosce o della zona addominale. Il nostro consiglio è quello di pensare di essere sedute su una biglia, in modo da stringere la muscolatura pelvica per sollevare la biglia stessa. Si può respirare liberamente, e sarebbe auspicabile effettuare ogni giorno tre serie composte da una decina di ripetizioni.

Il respiro, dunque, non deve essere trattenuto. Chi dovrebbe mettere in pratica questi esercizi?

In realtà tutti, tenendo presente che sono tante le situazioni che contribuiscono a rendere più deboli la muscolatura pelvica: del trascorrere degli anni si è già detto, ma vale la pena di menzionare anche altri fattori come il sovrappeso, la tosse cronica, la costipazione, la gravidanza e gli interventi chirurgici. Senza dimenticare il parto. Ovviamente non è detto che le prime volte così semplice eseguire gli esercizi, ma ci si può avvalere di presidi ad hoc che offrono un prezioso supporto per la stimolazione della muscolatura: si tratta di sfere che sono dotate internamente di un peso, il quale ruota e si sposta in corrispondenza dei vari movimenti del corpo. Queste sfere, comunque, possono essere usate anche da chi riesce già a effettuare gli esercizi ma desidera compiere uno sforzo più intenso.

Ci sono altri aiuti che meritano di essere presi in considerazione?

Una funzione importante è quella che viene svolta dagli elettro stimolatori più avanzati, che hanno la capacità di avvertire il livello di intensità della contrazione dei muscoli in modo da garantire una agli esercizi. Dovrebbero ricorrervi, tra l’altro, le donne che hanno problemi di incontinenza fecale e quelle che soffrono di incontinenza da urgenza urinaria, un disturbo che determina un improvviso e intenso stimolo di urinare che precede la perdita di urina in quantità consistenti. Inoltre gli esercizi di Kegel sono importanti per chi patisce la cosiddetta incontinenza da stress: è quella che comporta la perdita di gocce di urina tutte le volte che si tossisce, si ride o si starnutisce.

Qual è l’età ideale per cominciare a eseguire gli esercizi di Kegel?

Il nostro suggerimento è quello di giungere alla menopausa già preparate, anche perché è possibile cominciare a tutte le età, perfino nel periodo dell’adolescenza. È vero che in genere l’incontinenza si manifesta dai 45 anni in poi, ma – come si è detto – gli esercizi di Kegel hanno ripercussioni positive anche sulla sessualità. Nel corso della menopausa si verifica un graduale calo dei livelli ormonali, con riferimento in particolare agli estrogeni, da cui dipendono l’elasticità e la rotondità dei tessuti: per questo la vagina potrebbe modificarsi o essere fonte di problemi. Non ci sono precauzioni particolari da adottare per svolgere questi esercizi, se non quella di avere la vescica vuota. Per il resto, è possibile metterli in pratica in qualunque momento, anche mentre si lavora in ufficio o si è sedute in treno.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome