Covid, il 32% degli italiani accusa i primi segnali di cedimento

0
FOTO DA FEED AUTOMATICO ITALPRESS

ROMA (ITALPRESS) – Un anno dopo il primo lockdown nazionale, il nostro Paese si ritrova ad affrontare una nuova ondata di contagi con tutti i sentimenti che accompagnano il dejà vu. E l’ansia di una nuova possibile chiusura generalizzata incombe sulle vite di ognuno di noi. Tuttavia oggi esiste una speranza in più: i vaccini. A livello psicologico, però, un italiano su tre (il 32,1%) inizia ad accusare i primi segni di cedimento e nervosismo dovuti alla situazione che si sta vivendo da ormai più di un anno e sono sempre di più coloro che sono arrivati a dichiarare di essere allo stremo delle forze e di non farcela più. In una parola, dopo un anno di Covid, gli italiani si sentono soprattutto stanchi. Euromedia Research ha “indagato” gli stati d’animo degli italiani con un .
C’è voglia di uscire dalla pandemia e tornare alla normalità e, per questo, due terzi degli italiani non ha paura di vaccinarsi (65,3%). E vaccinarsi con qualsiasi vaccino disponibile, uno vale l’altro per quasi il 30% del campione. Certo, potendo scegliere, “l’antidoto” Pfizer fino a oggi è sicuramente quello che infonde maggiori certezze tra la popolazione (23,6%), anche se Johnson&Johnson sta salendo nel ranking del gradimento (8,6%).

Dati Euromedia Research – Realizzato il 09/03/2021 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 1.000 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne.
(ITALPRESS).

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments