🔻 Arnaldo… Le mie braccia vi vedono🔺DAL GRUPPO G9

Non tutti sanno dell'esistenza della cosiddetta “Sala delle dame” dipinta probabilmente dal Moretto e aiuti in Palazzo Martinengo, poi Salvadego, in via Dante a Brescia

0
Arnaldo predica, immagine dal libro Arnaldo di Costanzo Gatta, Edizioni Arnaldo da Brescia di Roberta Morelli

di Mario Baldoli – Le mie braccia vi vedono, i miei occhi sono aperti sul tempo. I bianchi portici dove voi gozzovigliate, erano luoghi di lavoro, gonfi di grano che scendeva e risaliva a poco a poco, secondo il bisogno dei poveri.

Seduti a sghignazzare, voi pensate ch’io sia un soprammobile, un vigile appollaiato su una rotonda a gestire il traffico tra fili elettrici, strisce bianche e fetori di auto. Avete viaggiato anche in paesi lontani e dovreste sapere che sempre un monaco chiuso in una statua guarda verso l’uscita dalla città come dicesse: vieni, entra, non temere ma sta’ attento. E’ così anche a Roma, l’ultima città che io vidi. Non vi accorgete che invece io guardo la città con le braccia aperte e il volto severo? Che non sto benedicendo nessuno? Da lontano vedo Garibaldi a cavallo, è pieno di gloria. Ci guardiamo, ma non ci comprendiamo.

Arnaldo è il più illustre bresciano di ogni tempo, ed è quello di cui si sa di meno. Su di lui gli antichi cronisti si divisero, soprattutto per condannarlo, mentre gli scritti a suo favore furono distrutti. Guardate la forza che emana la sua figura, penetrate quel bronzo, lasciatevi giudicare.

Sono nato alla fine dell’anno Mille, ho conosciuto la lotta per le investiture: i vescovi doveva nominarli il papa o l’imperatore? Fui con i Patari fin quando si sciolsero, quando il loro rappresentate Landolfo Cotta fu ucciso da sicari mandati dal vescovo di Milano.

Per distrarre l’attenzione dai suoi delitti e togliersi popolo e principi dai pensieri, papa Urbano II diede il via alla prima Crociata, era il 1096. Ma nulla fermò la libidine e la furia di potere dei tanti papi che si successero in quegli anni, nemmeno la nomina di antipapi non meno assetati di loro. I papi erano feroci nello scontro con i re come lo erano all’interno della Chiesa. Dopo la mia morte, scomunicarono i Valdesi. A Parigi Abelardo, il più grande filosofo del tempo, maestro e poi mio collega fu dichiarato eretico nel 1139 e morì in convento tre anni dopo.

I Patari, i valdesi, gli “arnaldini” erano movimenti pauperistici: predicavano una chiesa povera, non corrotta dalla simonia e dal nepotismo, la divisione tra il potere temporale e quello religioso, condannavano il concubinato ecclesiastico, le decime estorte ai poveri, la lotta per il potere, dichiaravano nulli i sacramenti dati da preti peccatori, chiedevano che il cittadino potesse confessarsi al cittadino, aprivano alla possibilità per il popolo di interpretare il Vangelo.

Tutti movimenti dichiarati eretici pur non essendolo – diciamo oggi- ma sappiamo che è la storia che fa l’eretico, non è necessario esserlo.

Arnaldo, monaco agostiniano, combattè con molti seguaci un’estrema lotta contro le degenerazioni di quella Chiesa. La sua predicazione aveva un grande seguito tra la gente comune e tra i governanti eletti dal popolo: ”gli arnaldini” erano così numerosi che non si osava colpirlo. Ma fu costretto a lasciare Brescia, poi a lasciare Parigi, si fermò a Zurigo, infine tornò a Roma per essere ucciso. Era il 1155.

Sei secoli dopo, la sua vita tornò a risplendere.

Lo ascolto: Nel Settecento viveva a Zurigo un uomo coltissimo e giusto, si chiamava Johann Jacob Bodmer, parlava con schiettezza e verità dei diritti dell’uomo e del cittadino, così dicevano di lui i suoi allievi e i dotti che lo frequentavano. Con lui nacque la “Scuola di Zurigo” che superò per importanza le altre d’Europa. Fra i tanti, andò a trovarlo Goethe che lo chiamò “uomo di valore, dotto e acuto”. Bodmer scrisse due drammi su di me Arnaldo da Brescia a Zurigo e Arnaldo da Brescia a Roma. Drammi scoperti da Irene (il suo nome: tempo di pace), una studiosa di Brescia. Li pubblicò in una collana di libri diretta da Borsoni. Quei drammi mi recano giustizia. Raccontano l’amore che mi circondava, la gente che mi amava, la lotta del potere contro di me. Quando tornai a Roma, nella tana del lupo, uno dei tanti papi, Adriano IV, mi fece arrestare e uccidere, non da Federico, come si dice, ma dalle guardie pontificie, come scrive Bodmer. Bruciare. Sapete voi che ora lasciate i portici e vi spostate da Viselli per un nuovo bicchiere colorato quanto tempo occorre perché un corpo bruci? Sapete quanto legno occorre? A Roma quando guardate il Tevere sapete che lì furono gettate le mie ceneri? Temevano che una tomba scatenasse la reazione dei miei fedeli.

Tu hai commesso l’errore di tornare a Roma.

Sì, è ciò che evitò il mio collega agostiniano Martin Lutero, ma al prezzo di dividere per sempre la Chiesa.

Nell’Ottocento il poeta Giovanni Battista Nicolini dedicò ad Arnaldo il suo dramma più bello Arnaldo da Brescia. Nel 1882 la città zanardelliana, governata da liberali non clericali, gli alzò il bellissimo monumento nella piazza più bella. Odoardo Tabacchi fece la statua, Antonio Tagliaferri ne scolpì i bronzi intorno.

Ma avete capito perché io guardo la città? Per dire: badate, qui vicino, in un grande palazzo ci sono i miei assassini.

Piazza del mercato dei grani. In fondo i cancelli della porta in direzione di Venezia, immagine dal libro Arnaldo di Costanzo Gatta, Edizioni Arnaldo da Brescia di Roberta Morelli

ARTICOLO A CURA DEL GRUPPO G9

LEGGI LE PUNTATE PRECEDENTI DELLA RUBRICA CLICCANDO SU QUESTO LINK

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA

534; MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

8,49€
11,31€
disponibile
7 new from 8,00€
Ultimo aggiornamento il 2 Aprile 2021 12:59
close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome