🔴🔴🔴🔴 Imprenditori in difficoltà attirati in Turchia e rapiti dai terroristi: tre arresti

Si tratta di un provvedimento emesso  in relazione ai sequestri di persona commessi in danno dei bresciani Sergio Zanotti e Alessandro Sandrini, rapiti - in circostanze che da subito erano sembrate sospette - in Turchia tra aprile e ottobre 2016 e tenuti prigionieri in Siria sino ad aprile/maggio del 2019 ad opera dell’organizzazione terroristica Hay’at Tahrir a-Sham.

0
Arresto di Carabinieri e Polizia, foto Questura

All’alba di oggi, in provincia di , Polizia di Stato e Carabinieri hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere – disposta dal Gip di Roma su richiesta del Gruppo Antiterrorismo della Procura della Repubblica capitolina – nei confronti di tre persone.

Si tratta di un provvedimento emesso  in relazione ai sequestri di persona commessi in danno dei bresciani Sergio Zanotti e Alessandro Sandrini, rapiti – in circostanze che da subito erano sembrate sospette – in Turchia tra aprile e ottobre 2016 e tenuti prigionieri in Siria sino ad aprile/maggio del 2019 ad opera dell’organizzazione terroristica Hay’at Tahrir a-Sham.

I provvedimenti riguardano due albanesi (un 43enne residente a Flero e un 41enne di Gussago) e un 54enne italiano di Mazzano, con perquisizioni in Italia e Germania, dove era domiciliato uno degli indagati.

Le – si legge in una nota della Questura – hanno fatto emergere “l’operatività, nella provincia di Brescia, di un gruppo di soggetti di varia nazionalità a carico dei quali grava un grave quadro indiziario in ordine all’ipotesi di sequestro di persona a scopo di ”. La banda criminale, secondo quanto informa il comunicato, avrebbe pianificato l’invio di Zanotti e Sandrini in Turchia “con il fine ultimo di creare il presupposto perché in quel Paese, in un’area a poca distanza dal confine con la Siria, altra articolazione del gruppo procedesse al rapimento dei due, da cui seguiva una prigionia quasi triennale gestita, sin dalle primissime fasi, da elementi appartenenti alla Hay’at Tahrir a-Sham”.

Dalle indagini sarebbe emersa la figura “centrale” di uno dei due albanesi, presente in entrambi i sequestri, che avrebbe “personalmente” indotto Zanotti a partire per la Turchia “attirandolo in quell’area con il pretesto di acquisire una partita di dinari iracheni fuori corso”, ma avrebbe anche “presidiato” l’aeroporto di Orio al Serio in occasione della partenza di Sandrini. Un appuntamento a cui era presente anche l’italiano.

I tre, inoltre, si trovavano nello stesso aeroporto il 25 settembre 2016, nel tentativo di far partire per la Turchia un altro imprenditore bresciano in difficoltà economiche che all’ultimo minuto aveva desistito dal piano. Sandrini era stato il suo sostituto.

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

59,00€
72,00€
disponibile
2 new from 59,00€
Ultimo aggiornamento il 22 Aprile 2021 23:38

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome