Vigili del fuoco, Conapo a Lamorgese “Più risorse nel contratto”

0
FOTO DA FEED AUTOMATICO ITALPRESS

ROMA (ITALPRESS) – “I vigili del fuoco meritano un riconoscimento aggiuntivo nel rinnovo del contratto di lavoro, le risorse stanziate sono insufficienti e non riconoscono la specificità lavorativa del nostro personale. Fare il vigile del fuoco è cosa ben diversa dal normale pubblico impiego, lo dimostrano le emergenze e lo ha dimostrato la pandemia, c’è chi poteva lavorare da casa in smart working e chi come i vigili del fuoco ha assicurato la sua presenza costante per la sicurezza degli italiani. A lavoro diverso serve attenzione del governo diversa”. Cosi Marco Piergallini, segretario generale del sindacato Conapo, nel corso dell’incontro che i sindacati dei vigili del fuoco hanno avuto al Viminale con il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, alla presenza del sottosegretario Carlo Sibilia e dei vertici del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, in attesa della riunione annunciata per il 14 maggio tra lo stesso ministro Lamorgese, il ministro dell’Economia Daniele Franco e il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta.
“Se da una parte è necessario garantire ora ai vigili del fuoco aumenti contrattuali non inferiori a quelli delle forze di polizia e comunque superiori al resto del pubblico impiego – aggiunge il segretario Conapo – dall’altra ricordiamo al governo che il percorso di equiparazione retributiva e previdenziale dei vigili del fuoco non è stato completato, manca ancora l’equiparazione della retribuzione per il lavoro notturno, festivo e superfestivo e l’equiparazione pensionistica estendendo ai vigili del fuoco il meccanismo del 6 scatti che gli altri corpi hanno riconosciuto da circa 35 anni quale misura compensativa delle imposte limitazioni contributive, misure il cui costo è stato quantificato dal ministero dell’ interno in circa ulteriori 55 milioni all’anno, provvedimenti che non possono essere rimandati ancora”.
(ITALPRESS).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments