Un “pezzo” dell’Aeroporto di Linate donato agli Alpini di Brescia

0
FOTO DA FEED AUTOMATICO ITALPRESS

MILANO (ITALPRESS) – L’ex area imbarchi dell’aeroporto di Linate, un prefabbricato di circa 2.000 mq di proprietà della SEA (Aeroporti Milano) del valore di 1,5 milioni di euro, è stato “donato”, grazie all’intervento di Bancobuilding il banco delle cose, all’Associazione Nazionale Alpini di Brescia. Diventerà il centro operativo e di formazione regionale degli Alpini ma anche la base logistica per gli specialisti A.N.A. della Protezione Civile in Lombardia. Dopo i lavori di ristrutturazione dell’aerostazione milanese la struttura è risultata in eccedenza e nessuno voleva prenderla. Bancobuilding, organizzazione di volontariato che fa da ponte fra aziende e mondo no profit per eliminare gli sprechi e favorire la sostenibilità ambientale con il riutilizzo di materiali edili, arredamento, tessile e altro, ha cominciato a cercare una onlus interessata al prefabbricato ed è arrivata in ultima analisi all’A.N.A. di Brescia. Ieri la consegna ufficiale delle chiavi del capannone agli alpini.
In base a previsioni (pre-Covid) di volumi di traffico in crescita, SEA aveva realizzato un prefabbricato, in acciaio e cemento armato, che diventasse “l’Area Imbarchi” durante le varie fasi di ristrutturazione e che potesse durare nel tempo per essere poi riutilizzato o rivenduto ad altri aeroporti. Un edificio dotato di tutti i servizi e impianti (igienici, elettrici, centrale termica per riscaldamento e raffreddamento), che si potesse smontare e trasferire in altri luoghi. Con la pandemia e la fine della ristrutturazione del nuovo aeroporto di Milano il prefabbricato è rimasto inutilizzato e quasi un “ingombro.
“Con grande incoscienza ma affidandoci alla Provvidenza divina – racconta Silvio Pasero, presidente di Banco Building – abbiamo detto di “sì” alla donazione di SEA. Noi di Banco Building abbiamo fatto tante cose in questi anni ma ritirare un immobile e trasferirlo in altro loco non lo avevamo ancora mai fatto. Si sa c’è sempre una prima volta. Siamo – spiega Pasero – una sorta di agenzia gratuita di collocamento delle eccedenze. Raccoglie da un lato le offerte dalle aziende italiane (mai da privati) e dall’altro lato le richieste degli Enti italiani (con progetti d’intervento in Italia e nel mondo) e mai di privati. L’intervento è totalmente gratuito e avviene grazie a volontari. Quando un’azienda segnala una disponibilità, Banco Building consulta la sua banca dati, individua la richiesta più affine e mette in contatto l’azienda con l’opera di carità. Questa dovrà, a suo onere e cura, ritirare i beni offerti presso il magazzino del donatore. Questo per gli enti è l’unico impegno/costo (che avrebbero comunque): andare a ritirare i beni donati. Il Banco fa sì che tutto proceda nel migliore dei modi”.
(ITALPRESS).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments