🔴🔴 Epatite C, screening gratuito per 3 milioni di lombardi nati tra il 1969 e il 1989

La Regione Lombardia godrà di uno stanziamento pari a circa 13 milioni di euro, di cui circa 5,5 milioni per l’anno in corso.

0
Epatite, foto generica da Pixabay

Oggi in Regione, nell’ambito della roadmap Acer-R, si è fatto il punto sulla campagna di screening in Lombardia e sulle misure attuative per utilizzare i fondi stanziati dal governo per monitorare con test rapidi – gratuti – tutti coloro che sono nati fra il 1969 e il 1989, stranieri irregolari inclusi. Una platea che per la nostra regione vale circa 3 milioni di persone.

Lo scorso 29 aprile, infatti, i ministri Speranza e Franco hanno firmato il decreto attuativo che conferma definitivamente la disponibilità dei 71,5 milioni di euro a livello nazionale, poi distribuiti alle regioni con il mandato di fare in fretta a utilizzarli. L’OMS, infatti, ha calcolato che un anno di ritardo nella diagnosi di malattia comporterà la morte di 44.000 persone in tutto il mondo nei prossimi 10 anni e qualche migliaio di queste persone saranno in Italia. La diagnosi precoce, infatti, permette di portare alla guarigione i pazienti grazie a terapie innovative che possono così evitare aggravamento della condizione di salute.

La Regione Lombardia è tra le prime ad aver strutturato un percorso dettagliato attraverso un documento programmatico per l’applicazione dello screening negli ambiti prescelti. Il documento è in fase di approvazione attraverso delibera, attesa per le prossime settimane.

Lo screening della popolazione generale e il legame alle cure antivirali dei soggetti infetti – ha spiegato nel suo intervento di saluto ai lavori la vicepresidente ed assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, – rappresenta il primo esempio di applicazione della strategia OMS per l’eliminazione della epatite C nel mondo. Regione Lombardia è sempre stata in prima linea su questo tema e il sistema dei test rapidi svolti in concomitanza con le fasi vaccinali anti-Covid conferma le azioni di diagnosi e cura dei pazienti a rischio di progressione della malattia.”

“La Regione Lombardia ha strutturato una rete di centri epatologici in grado di trattare con antivirali diretti circa 43.000 persone affette da epatite C dal 2015 ad oggi. Questa rete di centri specialistici è ora pronta a gestire i pazienti che verranno identificati grazie allo screening per HCV. – ha dichiarato il Prof. Alessio Aghemo, Segretario AISF, Associazione Italiana per lo Studio del Fegato e Professor of Gastroenterology Department of Biomedical Sciences, Humanitas UniversityStime dell’ISS ritengono che in Lombardia ci siano circa 22.000 persone sotto i 49 anni affette da epatite C non a conoscenza della loro malattia. La strategia della Regione sarà di muoversi su più linee: SerD, carceri, popolazione generale – sfruttando anche la vaccinazione COVID – per identificare i pazienti e rapidamente portarli al trattamento.”

La Regione Lombardia godrà di uno stanziamento pari a circa 13 milioni di euro, di cui circa 5,5 milioni per l’anno in corso.

“Il documento programmatico ci consente di arrivare a tutte le popolazioni indicate in decreto. Siamo in una fase avanzata del percorso di attivazione. Ora, la vera sfida, che decreterà il successo della campagna di screening HCV, è favorire un cambio di passo culturale attraverso una campagna informativa, per altro già prevista dal decreto, che affianchi gli screening e renda consapevole la popolazione grazie alla massima divulgazione su patologia, test, conseguenze e cure che portano all’eradicazione completa. – Ha spiegato Roberto Ranieri, Dirigente Medico ASST Santi Paolo e Carlo; Responsabile U.O Sanità Penitenziaria, Regione Lombardia. – Accanto all’informazione al cittadino deve esserci anche una fase attiva di training al personale sanitario e ai laboratori. In queste fasi, le associazioni di pazienti possono rivestire un ruolo determinante nell’affiancare le istituzioni.”

Il documento inquadra alcune delle modalità di intercettazione della popolazione dei nati tra il 1969 e il 1989: si ipotizza che tale popolazione venga raggiunta durante la somministrazione vaccinale per Covid-19 oppure in fase di erogazione di altre attività mediche, visite, esami o prestazioni sanitarie: ad esempio durante attività di prevenzione già attive in Regione. I soggetti sottoposti a screening che dovessero risultare positivi al virus HCV, verranno inseriti nel percorso di linkage to care ovvero gli verrà garantita la possibilità di effettuare esami di approfondimento e ricevere le relative cure farmacologiche attraverso il contatto con le strutture sanitarie preposte.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

40,00€
72,00€
disponibile
2 new from 40,00€
Ultimo aggiornamento il 3 Giugno 2021 16:21

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome