“Vino spaziale” vs “vino con l’acqua” | 🍷🥂 BARBERA & CHAMPAGNE/27

Due notizie a confronto sul mondo del vino...

0
Vino, elaborazione grafica BsNews.it da foto Pixabay

di Stefano Bergomi* ([email protected]) – “Vino spaziale” vs “Vino con l’acqua”. Due notizie a confronto sul mondo del vino…

Notizia 1: VINO SPAZIALE

Chateau Petrus è tra le cantine più rinomate a livello mondiale.

Ha sede a Pomerol, nella vocata regione di Bordeaux in Francia, dove vinifica un piccolo fazzoletto di terra (12 ettari). Ha saputo distinguersi per la qualità del suo prodotto, frutto di una maniacale cura dei dettagli nelle lavorazioni in campo e cantina.

Solitamente produce un merlot in purezza, ma con un eventuale saldo di cabernet franc nelle annate in cui è concessa l’ottimale maturazione anche per l’uva di questo coriaceo vitigno.

Vino buonissimo. Almeno a detta chi ha avuto la fortuna di assaggiarlo. Per molti consumatori e appassionati resta infatti una chimera visto il pezzo di listino, misurabile in svariate mensilità di stipendio di una persona con medio reddito.

Esiste tuttavia una versione ancora più irraggiungibile. Si tratta del Petrus 2000, affinato per oltre un anno nella Stazione Spaziale Internazionale, in orbita attorno alla Terra.

Sono state spedite nello spazio alcune bottiglie per un progetto di ricerca finanziato da privati, con l’obiettivo di sviluppare nuove soluzioni per il futuro del cibo e dell’agricoltura.

Le bottiglie sono rientrate sulla Terra, e alcuni privilegiati hanno già avuto modo di assaggiarle. Oltre ai tecnici dell’Istituto del Vino dell’Università di Bordeaux, per le analisi scientifiche del caso, anche uno sparuto numero di addetti ai lavori, in particolare sommelier ed enologi.

A detta dei partecipanti alla commissione d’assaggio il “vino spaziale” ha mantenuto i caratteri di qualità ed eccellenza, anche se sono rilevabili differenze rispetto al pari prodotto affinato sulla Terra. In particolare, il vino terrestre sembrava più chiuso, mentre la gita nello spazio in assenza di gravità ha giovato per una evoluzione precoce, regalando una maggiore evidenza di sentori floreali e fumosi.

E’ già stata fissata da Christie’s la base d’asta per accaparrarsi le pregiate bottiglie, con pezzo in trattativa privata a partire da 1 milione di dollari.

Apprezzabile il fatto che sia stata predisposta una confezione speciale, accompagnando alla bottiglia che ha viaggiato nel cosmo un’altra, di pari annata, affinata sulla terra, per far comprendere appieno le differenze. Il tutto in un bauletto decorato a mano con motivi legati allo spazio e con l’aggiunta di un cavatappi realizzato da frammenti di meteorite.

Non invidio troppo chi avrà modo di accaparrarsela. Il bello del vino è condivisione e convivialità, e una sola bottiglia, seppur tanto esclusiva, ne consente un godimento limitato.

Notizia 2: VINO CON L’ACQUA

In principio è stato il comunicato stampa di Coldiretti dello scorso 6 Maggio.

A questo sono seguiti diversi articoli di stampa e dichiarazioni di politici di spicco, a demonizzare la volontà dell’Unione Europea di annacquare il vino.

Per tutti una levata di scudi a difesa dell’eccellenza vitivinicola italiana, e il solito fastidio contro i burocrati di Bruxelles, rei di aver pensato a regole per trasformare in vino ciò che vino non è, almeno in funzione dei disciplinari delle DOC e DOCG della nostra penisola.

Manco fossimo alle nozze di Cana.

Insospettiti dal fatto che la notizia avesse fatto clamore solo in Italia e non in altri paesi UE di forte tradizione vinicola, alcuni cronisti di vecchio stampato hanno approfondito il tema.

Dai loro resoconti abbiamo potuto apprendere come il riferimento del testo al quale rimandava il comunicato stampa Coldiretti sia al momento solamente una bozza (“working paper”), a beneficio della discussione della prossima riforma della Politica Agricola Comune (PAC) nel 2023. Il documento, redatto nell’ambito del Consiglio dell’Unione Europea, aveva un duplice obiettivo, da un lato identificare merceologicamente i vini dealcolati, dall’atro consentire il reintegro con acqua del volume perso con la sottrazione di alcool.

La normativa europea in vigore consente fin dal 2009 la dealcolazione per vini generici, per un massimo del 20% e fino a 9 gradi. In molti casi l’abbassamento parziale del grado alcolico viene attuato perché il cambiamento climatico porta ad ottenere uve con sempre maggiore grado zuccherino, dando vita a vini dall’elevato tenore alcolico.

L’efficienza di tale pratica operativa consente però la possibilità di spingersi fino ad abbattere quasi completamente l’alcool, arrivando anche a solo 0,5. La volontà della UE è quella di identificare tali prodotti con una specifica categoria di vendita, e in particolare stabilire se debbano o no essere considerati come derivazione del vino. Una variazione di prodotto che potrebbe aprire nuovi mercati, verso clientela e Paesi orientati all’alcool free.

Registrandosi riduzioni importanti in volume, il documento preliminare ne consentirebbe il reintegro attraverso l’aggiunta di acqua, pari a quanto sottratto, per ripristinare il giusto equilibrio di concentrazione degli elementi diversi dall’alcool.

Rispetto a tutto questo sorrido pensando a mio nonno, quando con atto libertario decideva autonomamente quanta acqua aggiungere nel suo bicchiere di vino, per rendere più digeribile il pranzo.

* Sommelier per passione

LEGGI LE PUNTATE PRECEDENTI DELLA RUBRICA CLICCANDO QUI

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

25,00€
disponibile
as of 29 Luglio 2021 10:50
11,88€
12,78€
non disponibile
18 new from 11,88€
as of 29 Luglio 2021 10:50
5,50€
25,00€
non disponibile
42 new from 5,50€
as of 29 Luglio 2021 10:50
9,99€
non disponibile
5 new from 6,99€
as of 29 Luglio 2021 10:50
2,79€
3,99€
disponibile
2 new from 2,79€
1 used from 2,89€
as of 29 Luglio 2021 10:50
10,60€
disponibile
4 new from 10,55€
as of 29 Luglio 2021 10:50
20,99€
disponibile
2 new from 20,99€
as of 29 Luglio 2021 10:50
15,89€
disponibile
3 new from 15,89€
as of 29 Luglio 2021 10:50
90,00€
disponibile
2 new from 90,00€
as of 29 Luglio 2021 10:50
23,95€
disponibile
2 new from 23,95€
as of 29 Luglio 2021 10:50
39,85€
45,95€
disponibile
2 new from 28,86€
as of 29 Luglio 2021 10:50
20,99€
22,84€
disponibile
3 new from 20,99€
2 used from 16,15€
as of 29 Luglio 2021 10:50
Ultimo aggiornamento il 29 Luglio 2021 10:50

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome