🔻 Quando ci attaccammo al tram… 🔺DAL GRUPPO G9

Breve storia della comparsa dei mezzi pubblici a Brescia

0
Il percorso del tram a cavallo, foto per gentile concessione dall'archivio privato di Marcello Zane

di Federica Biglino –  Il primo treno a vapore comparve a Brescia il 19 ottobre 1853. La città era ancora tutta racchiusa entro le mura venete, mentre le officine, i magli e i mulini si trovavano lungo il corso dei fiumi e torrenti che scorrevano (e scorrono tuttora) intorno alla cinta muraria. Questa fu la stagione decisiva per il cambiamento del volto della città.

In quegli anni erano anche stati ampliati il corso del Teatro (attuale corso Zanardelli) e corso Magenta, si erano riassettate alcune porte della città come San Nazaro (oggi piazza della Repubblica), Sant’ Alessandro (piazzale Cremona), e porta San Giovanni (piazzale Garibaldi). Ancora sono escluse dall’inurbamento le popolose frazioni di Fiumicello, Mompiano e San Bartolomeo, che saranno annesse all’amministrazione del municipio di Brescia nel 1880.

Le mura ancora rappresentano il “naturale” confine tra città e hinterland, ma proprio le tramvie aiuteranno a superarlo e a creare un collegamento fondamentale per lo sviluppo industriale ed economico della città.

Come ci si sposta in città alla fine del XIX secolo? Soprattutto con i quadrupedi. Nel 1876 compare la bicicletta, nel 1898 ecco la prima automobile (siamo la patria delle Mille Miglia!). La prima vera linea tramviaria che collega la città con la Bassa arriva nel 1894.

C’erano le linee dell’omnibus: la linea partiva da porta Montana (porta Trento) a porta Stazione e da porta Venezia a porta Milano (costo del biglietto 10 cent a corsa). Già sono attive le linee delle “guidovie a vapore” Brescia – Orzinuovi (1881), Brescia – Gardone Valtrompia (1882), Brescia -Tormini – Salò. Viene coinvolta la “società belga” ( Compagnìe Generale de Chemins de fer Secondaire de Bruxelles) a giocare la delicata partita dell’incontro tra tecnologia e politica locale. Da tempo l’opinione pubblica e gli uomini d’affari in visita richiedono infatti il collegamento tra ferrovie e tramvie con i punti strategici della città, cioè il centro.

Il dibattito politico è acceso, articolato e molto partecipato anche a livello mediatico. La Giunta propone di istituire una linea a cavalli che congiunga la stazione con l’attuale corso Martiri della Libertà, corso Palestro, corso Zanardelli, piazza Duomo (attuale piazza Paolo VI). La maggioranza dei consiglieri vorrebbe invece una linea a vapore da porta Cremona a piazza Duomo.

Ma è inutile istituire linee a vapore che dovrebbero procedere a passo d’uomo col rischio di far imbizzarrire i cavalli e spaventare i carrettieri. Alla fine verranno scelti gli omnibus a cavallo su strada. Ma gli omnibus fino a quel momento sono privati. Verranno sostituiti da “carrozzoni” a percorso vincolato su rotaie, sempre a traino animale. Il collegamento stazione ferroviaria e centro sarebbe stata in grado di portare in centro città molti forestieri con un mezzo comodo. L’approvazione definitiva della realizzazione della linea a cavalli porta Stazione – piazza Duomo avviene il 6 luglio 1881. Ancora non si pensa all’utilizzo dell’energia elettrica per la trazione dei tram. L’ energia elettrica ai tempi è ancora limitata ai grandi opifici. Il 24 agosto 1894 l’energia elettrica finalmente illumina le principali vie cittadine mediante lampade ad arco e ad incandescenza.

Il primo “viaggio” sul tram a cavallo inizia alle 6,30 del 2 giugno 1862. Ci sono 2 classi con biglietto diversificato (15 – 10 centesimi per I e II classe: una cifra non irrisoria). Tempo di percorrenza Stazione – piazza Duomo: 20 minuti! Ma si può salire e scendere a richiesta in qualsiasi punto della linea. Le corse sono 16, comprese tra le 6,30 e le 20,00. Quindi: da piazza Duomo si può raggiungere in “giardiniera” la Stazione ferroviaria e da qui si può prendere la coincidenza della linea a vapore per raggiungere porta Trento o porta Venezia e da lì proseguire per la Valtrompia o il Garda.

Ben presto viene richiesta un’estensione della rete urbana che comprenda anche le porte orientali e occidentali. Seguiranno presto le linee corso Palestro – porta Venezia e corso Palestro – porta San Giovanni. Non deve sfuggire la fondamentale novità che ci porta di peso nel XX secolo: l’abbattimento delle barriere sociali. Sul tram, infatti, viaggiano tutte le classi sociali, sono tutti a contatto, tutti nella stessa direzione… non è mai successo nulla di simile nella Storia.

Intanto la città cresce fuori le mura, c’è la necessità di collegamenti rapidi tra centro storico e periferia. Una petizione dei residenti di Fiumicello e via Milano chiede l’istituzione di una linea che congiunga porta Milano col ponte sul Mella. La linea viene inaugurata nel 1885 alla presenza dell’on. Giuseppe Zanardelli. 1898: fanno la loro comparsa le prime automobili. 1899: alla Crocera di San Luca si tiene la prima esposizione di auto della storia bresciana.

In questa occasione l’automobile cambierà “genere”, su indicazione del poeta D’Annunzio: da maschile e muscolare a un aggraziato sostantivo femminile.

1903 : la città freme per la progettata Esposizione che si terrà in Castello nell’estate del 1904. Perché non istituire una linea tramviaria elettrica che sia in grado di portare i visitatori sin sulla cima del Cidneo? Si pensa di passare direttamente dalla trazione animale alla trazione elettrica. Il nuovo tram partirà da corso Zanardelli, per onorare la memoria dello statista da poco scomparso. Un grandissimo successo: l’apertura del’11 maggio vede un grande afflusso di persone. Purtroppo un deragliamento del venerdì 13 maggio consiglia maggiore prudenza. I passeggeri, incolumi, dovranno guadagnare la cima a piedi.

La linea del tram elettrico comunque piace. Già si parla di ampiamenti. Il futuro è già nel presente. I tram a cavalli hanno ormai raggiunto i quattro angoli della città, agevolando il formarsi di un vero capoluogo, di una grande città. Le mura sono quasi del tutto abbattute, il centro e il circondario sono maggiormente integrati. La tramvia mette in sinergia la produttività dei comparti extra urbani e la direzione finanziaria, burocratica e amministrativa del Centro.

L’evento che ha propiziato questo cambiamento è l’Esposizione del 1904, che si tenne dal 29 maggio 1904 al 29 settembre 1904. Il meglio della tecnologia e dell’artigianato bresciano in mostra all’interno del Castello da poco ristrutturato all’ing. Sorelli per celebrare il vertiginoso cambiamento di un’epoca.  Nel giro di una generazione si erano infatti affermati l’elettricità, il trasporto su rotaia e su strada, la radiotelegrafia, il volo meccanico, nuove tecnologie di medicina.

Una piacevole corsa sul tram per salire in Castello ed entrare nel XX secolo. Ma questa è un’altra storia… alla prossima!

Il percorso del tram a cavallo, foto per gentile concessione dall’archivio privato di Marcello Zane
Il percorso del tram a cavallo, foto per gentile concessione dall’archivio privato di Marcello Zane

 

ARTICOLO A CURA DEL GRUPPO G9

LEGGI LE PUNTATE PRECEDENTI DELLA RUBRICA CLICCANDO SU QUESTO LINK

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

25,00€
disponibile
as of 27 Luglio 2021 19:20
9,40€
12,40€
non disponibile
20 new from 8,99€
as of 27 Luglio 2021 19:20
5,50€
25,00€
non disponibile
41 new from 5,50€
as of 27 Luglio 2021 19:20
9,99€
disponibile
6 new from 6,99€
as of 27 Luglio 2021 19:20
2,79€
3,99€
disponibile
2 new from 2,79€
as of 27 Luglio 2021 19:20
10,60€
disponibile
4 new from 10,60€
as of 27 Luglio 2021 19:20
7,59€
8,88€
non disponibile
4 new from 7,59€
as of 27 Luglio 2021 19:20
20,99€
disponibile
2 new from 20,99€
as of 27 Luglio 2021 19:20
15,89€
disponibile
3 new from 15,89€
as of 27 Luglio 2021 19:20
90,00€
disponibile
2 new from 90,00€
as of 27 Luglio 2021 19:20
Ultimo aggiornamento il 27 Luglio 2021 19:20
close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome