La posizione della RBI e del governo centrale dell’India sul divieto di BTC

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha recentemente convocato una riunione del governo dell'Unione e della Reserve Bank of India (RBI) per discutere di criptovalute, un settore che ha avuto un boom silenzioso in India negli ultimi mesi

0
Criptovalute, foto generica da Pixabay

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha recentemente convocato una riunione del governo dell’Unione e della Reserve Bank of India (RBI) per discutere di criptovalute, un settore che ha avuto un boom silenzioso in India negli ultimi mesi.

Ribadendo le preoccupazioni per la mania dei token digitali in India, il governatore della RBI Shaktikanta Das ha ripetuto in giornata tali preoccupazioni. Piuttosto che proibire completamente le criptovalute, l’amministrazione Modi e i suoi ministeri hanno sostenuto una robusta supervisione normativa per prevenire il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Questa è una nuova tecnologia di cui il governo è consapevole, e la terrà d’occhio e prenderà misure preventive”. Dopo l’incontro di sabato 13 novembre, una fonte ha detto a PTI che le azioni del governo in questo settore saranno “progressive e lungimiranti”.

A seguito di una drammatica impennata dei valori di Bitcoin, la Reserve Bank of India (RBI) ha spesso espresso la sua forte opposizione alle criptovalute in India.

 

Le criptovalute, secondo la banca centrale, rappresentano un grande pericolo per la stabilità macroeconomica e finanziaria del paese. La Reserve Bank of India (RBI) ha anche messo in dubbio il numero di investitori che commerciano su di esse e il valore di mercato che dichiarano. Ribadendo la sua posizione anti-criptovalute mercoledì, Das ha detto che rappresentano un grave pericolo per qualsiasi sistema finanziario in quanto sono incontrollati dalle banche centrali.

La rupia indiana è la preoccupazione principale della Reserve Bank of India (RBI). La necessità di risparmi basati sulla rupia, come il fondo previdenziale, può diminuire se un numero sostanziale di individui sceglie invece di investire in valuta digitale. La capacità delle banche di prestare denaro ai clienti sarà ostacolata da questo.

È anche possibile che il governo non sarà in grado di raccogliere le tasse sul denaro, il che potrebbe avere un impatto negativo sulla valuta indiana, la rupia. Le monete possono essere usate per il riciclaggio di denaro e per operazioni illecite, oltre a questo Come risultato di tutto questo, gli investitori in criptovalute sono vulnerabili a hacking, frodi e perdite a causa della natura volatile delle criptovalute.

Un annuncio della Reserve Bank of India (RBI) nel 2018 ha scuppered la crescita del settore delle criptovalute indiane. Tuttavia, all’inizio di marzo 2020, la Corte Suprema ha annullato il divieto della RBI sulle criptovalute. Un pannello è stato istituito dalla banca centrale il 5 febbraio 2021, per raccomandare un modello per la valuta digitale della banca centrale. La sentenza sarà probabilmente emessa entro il prossimo mese.

 

Qual è il prossimo passo? Nonostante la ferma posizione della Reserve Bank of India, sta esaminando la possibilità di creare una moneta virtuale. Per contrastare l’ascesa delle criptovalute come Bitcoin, la Reserve Bank of India (RBI) ha dichiarato la sua intenzione di lanciare una valuta digitale ufficiale. La popolarità delle valute digitali private, delle valute virtuali e delle criptovalute è aumentata nell’ultimo decennio circa. Qui, le autorità e i governi sono preoccupati per i pericoli legati a queste valute.

Nonostante questi inconvenienti e pericoli, un numero crescente di indiani si sta rivolgendo alle criptovalute come mezzo di investimento. Secondo un annuncio di giornale pubblicato in ottobre, gli indiani hanno investito 6 trilioni di rupie in criptovalute. Tuttavia, ci sono discrepanze in termini di popolazione totale. Si stima che ci siano 100,7 milioni di investitori in criptovalute in India, secondo BrokerChoosers, mentre il CEO di WazirX Nishal Shetty ha detto che ci sono tra i 15 e i 20 milioni.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome