🔴🔴 Allarme medici di base: in provincia di Brescia ne mancano 140

Intanto ieri in Ats Brescia si è concluso con una cerimonia di consegna dei diplomi il percorso triennale di formazione specifica in medicina generale che ha condotto alla proclamazione di 26 nuovi medici di base

0
medico - foto generica - Foto di Darko Stojanovic da Pixabay
medico - foto generica - Foto di Darko Stojanovic da Pixabay

La mancanza di medici di medicina generale e di pediatri sul territorio è questione da tempo riscontrata ma di certo l’epidemia di COVID-19 ha aggravato la situazione.

Oggi secondo il Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia sono complessivamente 140 i medici che mancano nel Bresciano: 128 nell’area di competenza di Ats Brescia e 12 in Ats Valle Camonica (in più si segnala il bisogno di 7 pediatri sul territorio dell’Ats di Brescia).

In tutta la regione i posti disponibili per i medici di famiglia sono 1.166.

Il problema non riguarda solo il presente: anche in futuro si dovrà fare i conti con una forte carenza di medici di base e di pediatri. Si stima infatti che entro il 2024 vadano in pensione circa un centinaio di camici bianchi

«La carenza di medici di famiglia – ha commentato la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia Letizia Moratti – è un problema nazionale che si trascina da anni. La questione verrà risolta solo quando il nostro sistema sarà capace di formare in numero sufficiente il personale necessario. Intanto lavoriamo su riorganizzazione dei tempi e dei modi di lavoro, maggiore capacità dei medici di lavorare insieme, rafforzamento della telemedicina e integrazione con la rete delle Case di Comunità che stanno sorgendo. Queste azioni possono offrire valide alternative».

«Stiamo lavorando – ha concluso la vicepresidente – affinché il Ministero della Salute accolga le proposte avanzate dalle Regioni, per arrivare a una soluzione e offrire le adeguate risposte alle attese dei cittadini»-

Negli ultimi anni, spiega una nota della regione, le pubblicazioni hanno visto la partecipazione di un numero di candidati molto inferiore rispetto al numero di posti disponibili. La risposta della Regione è stata quella di riaprire i termini dei bandi nel dicembre 2021, uno dei quali riservato a medici che frequentano il corso di formazione, come consentito dalle norme sull’emergenza pandemica. Tali corsisti hanno però un massimale limitato a 650 pazienti, fissato a livello nazionale. Malgrado ciò, è rimasto vacante oltre un terzo dei posti messi a bando. Regione Lombardia è intervenuta anche per sostenere l’assunzione di personale amministrativo negli studi medici: al momento sono circa 1.800 i medici che non si avvalgono dell’aiuto di collaboratori che li assistano nelle incombenze che una società sempre più informatizzata impongono. A questo proposito nei tavoli tecnici aperti con sindacati, associazioni di categoria e ordini professionali, sono allo studio incentivi per la digitalizzazione e la connessione della banda larga per gli studi che ancora non ne sono provvisti.

Intanto ieri in Ats Brescia si è concluso con una cerimonia di consegna dei diplomi il percorso triennale di formazione specifica in medicina generale che ha condotto alla proclamazione di 26 nuovi medici di base.

 

 


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 16 Aprile 2022 13:28

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome