⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ Le 5 cose da vedere nel Comune di Paderno Franciacorta | I CONSIGLI DI BSNEWS

Alla scoperta di alcune bellezze del paese franciacortino...

0
Madonna del latte, foto Diocesi di Brescia

(f.p.) Paderno Franciacorta sorge a nord ovest della città di Brescia, nell’alta Pianura Padana, e con una superficie di circa 5 chilometri quadrati è il più piccolo comune della Franciacorta. Sito all’esterno della cerchia morenica, si estende su un territorio pianeggiante e in leggera pendenza, riservato alla coltura agraria e alla coltivazione della vite. Di probabile origine romana, come suggerisce l’etimologia del termine Paderno, la storia di Paderno Fc è legata alla costruzione del castello Oldofredi eretto a difesa delle incursioni degli Ungari. Nei secoli successivi il territorio seguì le vicende del capoluogo di provincia, anche quando durante il cosiddetto “sacco di Brescia” il castello, centro della vita di Paderno, fu svaligiato e i suoi occupanti, sia militari che semplici contadini, furono uccisi. In seguito il paese fu dominio visconteo e poi veneto. Alla costituzione nel 1861 del Regno d’Italia, il comune aveva una popolazione residente di 998 abitanti e nel luglio 1862 la Prefettura di Brescia chiese e ottenne di modificare il nome del paese, che divenne Paderno Franciacorta.

Di seguito pubblichiamo cinque cose da vedere nel Comune di Paderno Franciacorta: l’elenco, lo precisiamo, non è esaustivo. Per ulteriori informazioni su Paderno Franciacorta vi rimandiamo al sito ufficiale del Comune.

CINQUE COSE DA VEDERE NEL COMUNE DI PADERNO FRANCIACORTA

1 – Castello Oldofredi

L’antico castello sorge in quella che oggi è la piazza di Paderno Franciacorta. L’edificio fu costruito nel X secolo per scampare alla feroci incursioni degli Ungari e fu in seguito al centro delle contese fra Guelfi e Ghibellini durante le quali vi pose il proprio campo anche re Enzo, figlio di Federico II, poi per le guerre fra Milano e Venezia e infine il saccheggio e le stragi inferte dai Francesi d’Aubigny nel 1512, anno del sacco di Brescia. Dopo oltre tre secoli di abbandono, il castello fu restaurato, non rispettando però la sua originaria struttura. Recentemente il forte è stato oggetto di una nuova fase di restauro che ha portato alla creazione di una piazza all’esterno dell’entrata principale e alla ristrutturazione dell’ala sinistra che ora ospita la biblioteca comunale intitolata alla Maestra Alfides Tessitori.

Il Castello Oldofredi di Paderno Franciacorta, foto da ufficio stampa

2 – Chiesa di San Pancrazio

La chiesa parrocchiale di San Pancrazio fu eretta nel 1746 e poi rifatta nella facciata nel 1838. Gli interni sono decorati con gli affreschi dei pittori bresciani Pietro Scalvini (1718-1792) e Giuseppe Teosa (1758-1848), alla cui opera si deve anche la pala dell’altare maggiore (1825).

La chiesa di San Pancrazio a Paderno Franciacorta, foto da Comune

3 – Monumento ai caduti

Il suggestivo monumento ai caduti si erge in Piazza della Libertà, a Paderno Franciacorta, proprio davanti al castello Oldofredi. Si tratta di un’opera dello sculture bresciano Luigi Lanfranchi, realizzata nel 1922 e dedicata ai trentuno caduti del paese durante la Prima Guerra Mondiale. Successivamente fu aggiunta una stelle in memoria anche dei caduti e dispersi della Seconda Guerra Mondiale.

Monumento ai caduti (dettaglio), Paderno Franciacorta

4 – Vigneti

Il territorio di Paderno Franciacorta si estende tra le colline e i vigneti dell’area oggi nota proprio per la sua produzione vinicola. Uscendo dalle storiche vie del centro abitato ci si troverà quindi immersi nella natura e in una terra di rilevante interesse enologico e turistico, tra i filari di quei vigneti le cui uve danno vita ad alcuni tra i vini più apprezzati della Franciacorta.

Vigneto, foto generica da Pixabay
Vigneto, foto generica da Pixabay

5 – La Madonna del Latte

È legata ad un’opera custodita nella cappella della Rocca di Paderno un’antica tradizione di devozione religiosa: nella chiesa cinquecentesca della Madonna del Castello si trova infatti una preziosa tela che raffigura una Madonna del Latte. Una volta all’anno il quadro, che per l’occasione viene adornato a festa, è condotto fuori dalla cappella e attraversa in processione il paese per rimanere una settimana nella chiesa parrocchiale e poi far ritorno nella sua sede stabile.

Madonna del latte, foto Diocesi di Brescia

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome