Regione, la commissione Covid a maggioranza: lo Stato non ha fatto abbastanza

Da parte delle opposizioni si è voluta invece sottolineare la “resistenza della politica a credere nella gravità dei fatti”, un atteggiamento che ha riguardato OMS, governi nazionali e regionali e molte articolazioni politiche, con l’aggravante che “in Lombardia alcuni problemi strutturali interni alla gestione sanitaria esistevano già prima di questa pandemia: il Covid li ha soltanto enfatizzati”

0
Sede della Regione Lombardia, foto da Wikipedia

Dopo 40 sedute e l’audizione di 66 soggetti il lavoro della Commissione d’inchiesta sulla prima fase dell’emergenza Covid 19 è approdato oggi in Aula consiliare, dove si è svolto un ampio dibattito sui contenuti delle relazioni di maggioranza e di minoranza illustrate rispettivamente dai consiglieri Manfredi Palmeri (Polo di Lombardia) e Jacopo Scandella (PD). Al termine del confronto, il Consiglio regionale ha approvato con 43 voti a favore e 21 contrari l’ordine del giorno firmato dai capigruppo di maggioranza (primo firmatario Roberto Anelli, Lega) nel quale si sottolinea che la Commissione d’inchiesta “ha svolto il suo mandato con professionalità, scrupolo e zelo istituzionale” e si approva la Relazione conclusiva di maggioranza.

Sono stati invece respinti i seguenti ordini del giorno: a firma di PD e M5S, che intendeva chiedere l’approvazione della Relazione di minoranza; a firma del gruppo M5S con richieste di iniziative di modifica di norme statali e regionali riguardanti la sanità; a firma di Elisabetta Strada (Lombardi Civici Europeisti) e Jacopo Scandella (PD) sul tema della medicina territoriale; a firma di Michele Usuelli (+Europa) e Niccolò Carretta (Misto) a sostegno e integrazione della relazione di minoranza. Un ordine del giorno a firma di Luigi Piccirillo (Gruppo Misto), con la richiesta di commissariamento della sanità lombarda, non è stato posto ai voti perchè ritenuto inammissibile.

La trattazione del punto all’ordine del giorno è iniziata nel pomeriggio su decisione dei capigruppo in quanto in mattinata sono stati numerosi gli interventi sull’ordine dei lavori, con le minoranze a chiedere la presenza del Presidente Fontana (in congedo per impegni istituzionali nella mattinata e in Aula nel pomeriggio). Il Consigliere Luigi Piccirillo, che ha voluto continuare a sedersi sui banchi della Giunta nonostante i richiami della Presidenza, è stato espulso dall’Aula.

Durante il dibattito avvenuto nel pomeriggio sono intervenuti Consiglieri di tutti i gruppi consiliari, compreso il Presidente della Commissione d’inchiesta Gianantonio Girelli (PD).

Le Relazioni di maggioranza e minoranza – In riferimento alle informazioni e ai dati raccolti, le conclusioni della Relazione conclusiva (suddivise in 12 paragrafi) rilevano che “Regione Lombardia ha operato attivamente, instancabilmente e con ogni mezzo a propria disposizione per contrastare il deflagrare di un evento sconosciuto e inatteso” e che, pur attenendosi alle disposizioni nazionali, la stessa Regione ha dovuto fare i conti con una “mancanza di informazioni scientifiche e di indicazioni operative dal parte dello Stato”, aspetto che “ha causato un grave ritardo nell’attivazione della macchina organizzativa”“Ciononostante – chiosa il documento- Regione non ha risparmiato gli sforzi e in taluni casi ha anticipato le disposizioni nazionali con l’unico scopo di offrire a tutti i cittadini -nessuno escluso- le cure di cui avevano bisogno”Da parte delle opposizioni si è voluta invece sottolineare la “resistenza della politica a credere nella gravità dei fatti”, un atteggiamento che ha riguardato OMS, governi nazionali e regionali e molte articolazioni politiche, con l’aggravante che “in Lombardia alcuni problemi strutturali interni alla gestione sanitaria esistevano già prima di questa pandemia: il Covid li ha soltanto enfatizzati”. Infine nella Relazione di minoranza si evidenzia in negativo “la scelta di non coinvolgere le opposizioni né riguardo la conoscenza dei dati né riguardo le scelte da prendere”.

Fin qui il comunicato ufficiale della Regione. Ma sulla questione è intervenuto anche il bresciano Gianantonio Girelli, esponente del Pd (dunque della minoranza) e presidente della commissione.

“La commissione d’inchiesta – ha detto Girelli – ha lavorato tra grandi difficoltà ma è arrivata alla fine e ha messo in luce problemi reali della sanità lombarda, a partire dalla debolezza della sanità territoriale. Questo è il tempo delle scelte che vanno fatte ora per i prossimi anni, senza accontentarsi del PNRR, che dà risorse ed indicazioni importanti ma che non basta se non c’è la volontà di correggere quei problemi creati in tanti anni. La commissione lascia indicazioni preziose che spero vengano raccolte da chi c’è e da chi verrà dopo.”


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 19 Aprile 2022 07:16

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome