⚫️ Morto in Thailandia, lo chef Matteo Attianese sarà cremato

Nei prossimi giorni si terrà proprio in Thailandia un rito funebre per l'addio a Matteo Attianese

0
Matteo Attianese

Sono in molti in queste ore a piangere la tragica scomparsa di Matteo Attianese, il quarantenne chef di Rezzato rimasto vittima di un incidente stradale a Pattaya in Thailandia.

Ad esprimere sconforto e rammarico anche Antonio Pappalardo e lo staff della pluripremiata Cascina dei Sapori, dove Matteo Attianese ha ricoperto – lo si ricorda proprio sulla pagina social della pizzeria – un ruolo importante, contribuendo fortemente alla crescita e alla fama del locale.

Come si è appreso e comunicato, il quarantenne, in Thailandia dal 2019, avrebbe perso improvvisamente il controllo dello scooter sul quale viaggiava finendo per schiantarsi contro un palo della luce. L’impatto è purtroppo stato fatale.

Nei prossimi giorni si terrà proprio in Thailandia un rito funebre per l’addio a Matteo Attianese. Secondo quanto riferisce Bresciaoggi, è probabile che il corpo dello chef venga cremato. Bisognerà poi attendere per il rientro delle ceneri in Italia.

 

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 16 Maggio 2022 13:33

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome