🔴 Imprese dei servizi, nel Bresciano la fiducia crolla ai livelli di inizio pandemia

Il valore dell’indice sperimentato nel primo periodo del 2022 è il più basso dalla seconda metà del 2020 e rifletterebbe non tanto un ridimensionamento dell’attività delle realtà intervistate, quanto il diffondersi di generalizzate preoccupazioni in merito alle possibili conseguenze economiche della guerra fra Russia e Ucraina

0
Foto generica da Pixabay

Nel 1° trimestre del 2022, il clima di fiducia delle imprese bresciane attive nel settore dei servizi si è attestato a 108, confermando la tendenza al ribasso riscontrata nelle ultime rilevazioni. Il valore dell’indice sperimentato nel primo periodo del 2022 è il più basso dalla seconda metà del 2020 e rifletterebbe non tanto un ridimensionamento dell’attività delle realtà intervistate, quanto il diffondersi di generalizzate preoccupazioni in merito alle possibili conseguenze economiche della guerra fra Russia e Ucraina.

A evidenziarlo sono risultati dell’Indagine congiunturale del Centro Studi di Confindustria Brescia al 1° trimestre 2022.

A ciò si aggiunge il minore dinamismo del settore industriale, che lamenta la progressiva riduzione della marginalità (dovuta al “caro materie prime” e al “caro energia”), con le evidenti ricadute in termini di commesse e investimenti. Il quadro di fondo rimane tuttavia complessivamente positivo, pur con le rilevanti incognite del caso, legate, in primo luogo, all’evolversi del conflitto.

“Oggi, pur nella diminuzione generale dei dati sulla fiducia delle imprese attive nel comparto, permane un senso di “pacato allarmismo”, soprattutto per questioni su cui le aziende del settore Terziario non possono incidere – commenta Fabrizio Senici, Presidente del Settore Terziario di Confindustria Brescia –. Le nostre aziende hanno ben chiara la situazione, ma sanno anche che devono continuamente investire sull’innovazione per rispondere tempestivamente alle mutate esigenze dei propri clienti.”

Nel dettaglio, per quanto riguarda i giudizi espressi dalle aziende sui tre mesi precedenti:

  • il fatturato è aumentato per il 49% delle imprese intervistate, con un saldo positivo del 30% tra coloro che hanno dichiarato variazioni in aumento e in diminuzione;
  • gli ordini e l’occupazione evidenziano incrementi (saldi netti pari rispettivamente a +22% e a +30%);
  • i prezzi dei servizi offerti si caratterizzano per un’evoluzione crescente (saldo netto pari a +28%); una tendenza che ha origine dalla dinamica inflattiva dei beni industriali, che ora si sta propagando al settore del terziario.

Per quanto riguarda le prospettive per i mesi a venire:

  • il fatturato è atteso in crescita dal 43% degli intervistati, con un saldo positivo del 24% a favore degli ottimisti rispetto ai pessimisti;
  • i saldi riferiti al portafoglio ordini (+34%) e all’occupazione (+30%) descrivono uno scenario di possibile ulteriore rafforzamento dell’attività;
  • i prezzi dei servizi offerti manifestano un saldo positivo (+32%), a indicazione che la fase rialzista è verosimilmente destinata a confermarsi anche nel prossimo futuro.

Le opinioni delle imprese in merito alle prospettive generali dell’economia italiana divengono negative, andando a riflettere, in primo luogo, le evidenti incognite sulle politiche nazionali di approvvigionamento degli input energetici, la forte riduzione della marginalità delle imprese, nonché il crescente deterioramento del potere di acquisto delle famiglie, che si riverbera negativamente sulla loro propensione al consumo. Nel dettaglio, il 13% degli imprenditori ha espresso un orientamento ottimistico, a fronte del 43% che prevede stazionarietà e del 44% che ha invece una visione negativa.

L’andamento per comparto

Consulenza alle imprese

Il clima di fiducia delle imprese attive nel comparto della consulenza alle imprese, nel 1° trimestre 2022, si attesta a 98, contro 119 del periodo precedente. I giudizi espressi sui tre mesi precedenti segnalano che: il fatturato è aumentato per il 50% delle imprese, con un saldo positivo del 22% tra risposte in crescita e in diminuzione; gli ordini e l’occupazione evidenziano incrementi (saldi netti pari rispettivamente a +22% e a +27%); i prezzi dei servizi offerti si caratterizzano per un’evoluzione in rafforzamento (saldo netto pari a +33%). Con riferimento alle prospettive a breve termine: il fatturato è atteso in crescita dal 39% degli intervistati, con un saldo positivo del 17%; i saldi riferiti al portafoglio ordini (+28%) e all’occupazione (+33%) descrivono uno scenario di possibile rafforzamento dell’attività; i prezzi dei servizi offerti manifestano un saldo positivo (+28%). Le opinioni delle imprese in merito alla tendenza generale dell’economia italiana risultano negative: il 44% prevede stazionarietà e il rimanente 56% ha una visione sfavorevole.

ICT & digitale

Il clima di fiducia delle imprese attive nel comparto ICT & digitale, nel 1° trimestre 2022, si attesta a 127, in sostanziale continuità con quanto rilevato tra ottobre e dicembre 2021 (129). In merito ai giudizi espressi sui tre mesi precedenti: il fatturato è aumentato per il 67% delle imprese, con un saldo positivo del 54% tra variazioni in aumento e in diminuzione; gli ordini e l’occupazione evidenziano incrementi (saldi netti pari rispettivamente a +27% e a +33%); i prezzi dei servizi offerti si caratterizzano per un’evoluzione debolmente crescente (saldo netto pari a +13%). Riguardo alle prospettive a breve termine: il fatturato è atteso in crescita dal 60% degli intervistati, con un saldo positivo del 47%; i saldi riferiti al portafoglio ordini e all’occupazione risultano positivi (rispettivamente pari a +60% e a +40%); i prezzi dei servizi offerti registrano un saldo in aumento del 27%. Le opinioni delle imprese in merito alle prospettive sulla tendenza generale dell’economia italiana risultano in parte sfavorevoli: il 27% degli imprenditori ha un orientamento positivo, il 40% prevede stazionarietà e il rimanente 33% prospetta una contrazione.

Servizi alle imprese

Il clima di fiducia delle imprese attive nel comparto servizi alle imprese, nel 1° trimestre 2022, si attesta a 103, in contrazione rispetto al periodo precedente (133). Riguardo ai giudizi espressi a consuntivo: il fatturato è aumentato per il 33% delle imprese, con un saldo positivo del 16%; gli ordini e l’occupazione evidenziano incrementi (saldi netti pari rispettivamente a +17% e a +34%); i prezzi dei servizi offerti si caratterizzano per un’evoluzione rialzista (+33%). In merito alle prospettive a breve termine: il fatturato è atteso in crescita dal 33% degli intervistati, con un saldo positivo dell’8%; i saldi riferiti al portafoglio ordini (+16%) e all’occupazione (+17%) descrivono uno scenario di possibile rafforzamento dell’attività; i prezzi dei servizi offerti si contraddistinguono per un saldo positivo del 42%. Le opinioni delle imprese in merito alle prospettive sulla tendenza generale dell’economia italiana risultano negative: il 17% degli imprenditori ha un orientamento ottimistico, a fronte del 42% che prevede stazionarietà e del 42% che invece propende per una flessione.

L’Indagine viene effettuata trimestralmente su un panel di imprese associate appartenenti al settore terziario.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 25 Giugno 2022 21:32

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome