🔴 Ai domiciliari non paga i pasti e minaccia i carabinieri: finisce in carcere

L'uomo era finito nei guai circa un mese fa: con un amico aveva mangiato e bevuto in un ristorante, rifiutandosi poi di pagare e minacciando le forze dell'ordine

0
Carcere, foto generica da Pixabay

Stavolta il conto l’ha dovuto pagare: era ai domiciliari, è finito in carcere. E’ accaduto a un sessantenne residente nella zona del lago di Iseo, protagonista di una vicenda piuttosto singolare.

L’uomo era finito nei guai circa un mese fa: con un amico aveva mangiato e bevuto in un ristorante, rifiutandosi poi di pagare e minacciando le forze dell’ordine. Per questo era finito ai domiciliari. Ma poi – secondo quanto riferisce il Gdb – si è rifiutato di pagare il conto dei pasti consegnati a casa e, quando il Comune ha interrotto il servizio, ha ben pensato di minacciare telefonicamente il sindaco e le forze dell’ordine.

Per questo, su decisione della magistratura, l’uomo è stato portato in carcere. Lì, di certo, non dovrà pagare i pasti.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 24 Giugno 2022 09:22

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome