🔴 Farmaci letali ai pazienti? Nessuna prova: assolto il primario di Montichiari

0
foto generica da Pixabay

La richiesta della pubblica accusa era stata di ben 24 anni di carcere. La sentenza è stata di assoluzione, con formula piena. Ieri sera, infatti, la Corte d’assise di Brescia ha assolto dall’accusa di omicidio volontario il medico Carlo Mosca.

Secondo gli investigatori, il primario dell’ospedale di Montichiari – attraverso la somministrazione consapevole di Propofol e Succinilcolina, “farmaci incompatibili con la vita” – sarebbe stato responsabile della morte di due pazienti (Natale Bassi e Angelo Paletti) deceduti durante la prima ondata di Covid, nel marzo 2020.

Tutto falso secondo i giudici, che hanno accolto la richiesta della difesa e disposto il trasferimento degli atti per calunnia per due testimoni. Mosca, che si trovava ai domiciliari dal 2025 gennaio 2021, è tornato libero e attende di poter tornare a lavorare.

Mosca, originario di Cremona, aveva lavorato al Civile e poi a Mantova. Nel 2017 era approdato a Montichiari e l’anno dopo era diventato primario reggente del Pronto soccorso. Era toccato a lui gestire in quell’ospedale la prima ondata di Coronavirus, quando i posti letto non bastavano mai, la paura era tanta e i pazienti – arrivati in condizioni disperate – morivano a decine.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 28 Luglio 2022 03:21

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome