🔴 Omicidio Laura Ziliani, le due figlie e Mirto Milani vanno a processo

Il processo alle sorelle Zani e a Milani si aprirà il prossimo 28 ottobre, davanti davanti alla prima sezione penale della corte d’Assise. Per loro le accuse sono quelle di omicidio volontario aggravato e soppressione di cadavere

0
Mirto Milani e le due figlie di Laura Ziliani, accusati di omicidio

La decisione appariva quasi scontata, stando a quanto emerso. Ma ora c’è anche il via libera ufficiale. Le due figlie della vittima (Paola e Silvia Zani) e il fidanzato della maggiore (Mirto Milani) sono stati rinviati a giudizio con l’accusa di aver ucciso Laura Ziliani, l’ex vigilessa di Temù che sarebbe stata drogata e poi soffocata nel sonno dal trio nella notte dell’8 maggio 2021.

A deciderlo è stato il Gup Gaia Sorrentino. Il processo alle sorelle Zani e a Milani si aprirà il prossimo 28 ottobre, davanti davanti alla prima sezione penale della corte d’Assise. Per loro le accuse sono quelle di omicidio volontario aggravato e soppressione di cadavere. Il corpo, lo ricordiamo, rimase sepolto nei boschi della Valcamonica per tre mesi e fu trovato l’8 agosto.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 5 Agosto 2022 16:04

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome