🔴 Rezzato, all’ortofrutta dipendente in nero: dormiva perfino nel negozio

Il titolare, oltre alle sanzioni, sarebbe stato denunciato per sfruttamento del lavoro e resistenza a pubblico ufficiale

0
Polizia locale, foto generica (immagine d'archivio da Comune Rovato)

E’ stata grande la sorpresa degli agenti della Polizia locale di Rezzato quando nei giorni scorsi sono entrati, per un normale controllo, in un negozio di ortofrutta gestito da uno straniero.

Gli agenti, impegnati in questo periodo in diversi accertamenti, avrebbero infatti trovato sugli scaffali numerosi prodotti privi di regolari etichette, ma anche alimenti in stato di decomposizione e altre carenze rilevanti. Non solo. Nel negozio, infatti, era presente anche un altro immigrato e – secondo quanto emerso – l’uomo non solo prestava servizio senza regolare contratto, ma viveva stabilmente all’interno dell’attività.

Il titolare, inoltre, avrebbe reagito in malo modo al controllo. Per lui, infatti, sarebbe scattata infatti anche una denuncia per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, oltre a quella per sfruttamento del lavoro nero e alle sanzioni del caso.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

Ultimo aggiornamento il 6 Agosto 2022 01:02

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome