🔴 “Non tuffatevi nel Garda, è pericoloso”: la bufala dei giornali tedeschi

Nessun pericolo: il consiglio è soltanto quello di verificare preventivamente la profondità prima di tuffarsi da scogli o pontili

0
Il titolo della Bild sul lago di Garda, screen

I giornali tedeschi spesso non stati teneri con l’Italia, talvolta anche a ragione. Ma stavolta hanno il sapore della bufala, o almeno della forzatura, gli articoli pubblicati da alcune delle principali testate della Germania in relazione al problema siccità e all’abbassamento dei livelli del Benaco. Sulla Build (5 milioni di copie circa), infatti, domenica è comparso il titolo “Non tuffatevi nel lago di Garda” (il “Gardasee”…), mentre Der Spieghel ha parlato addirittura di “elevato rischio lesioni” per i bagnanti.

La risposta dal Garda non ha tardato ad arrivare, per bocca della Comunità del Garda e del Consorzio Garda Lombardia, che hanno anche avviato campagne informative in lingua tedesca. La spiegazione non è difficile: la carenza di acqua ha portato a un abbassamento dei livelli del lago (mancano circa 80 centimetri rispetto allo scorso anno), ma il Garda ha comunque una profondità media di 130 metri (si arriva 346 metri) e non ci sono pericoli particolari se ci si attiene alle più basilari norme di comportamento. Il consiglio, infatti, è soltanto quello di verificare preventivamente la profondità prima di tuffarsi da scogli o pontili.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome