🔴 Scende dall’auto e si mette a dormire in mezzo alla strada: era ubriaco fradicio

Protagonista della vicenda è un 45enne. Quando i militari lo hanno svegliato il suo stato di alterazione alcolica è risultato subito evidente e le analisi lo hanno confermato: nel sangue - secondo quanto riporta il quotidiano La Provincia di Cremona - aveva un livello di alcol cinque volte quanto consentito dalla legge

0
Controlli della Polizia stradale, foto d'archivio da Questura di Brescia

Ha posteggiato l’auto al centro della carreggiata, è sceso e si è messo a dormire in mezzo alla strada. Così lo hanno trovato i carabinieri di Crema, quando – in seguito a una segnalazione – sono intervenuti nel centro del Comune di Casale Cremasco.

Protagonista della vicenda è un 45enne. Quando i militari lo hanno svegliato il suo stato di alterazione alcolica è risultato subito evidente e le analisi lo hanno confermato: nel sangue – secondo quanto riporta il quotidiano La Provincia di Cremona – aveva un livello di alcol cinque volte quanto consentito dalla legge (2,60 g/l). Non solo non era in grado di guidare (e rappresentava un pericolo per tutti), ma ha messo seriamente a rischio la propria salute e incolumità (il coma etilico scatta a 3.5-4 g/l).

L’uomo è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza, con il ritiro della patente e il sequestro del mezzo ai fini della confisca. Per fortuna non si registrano danni o feriti.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome