Invasione di lumache giganti, ecco perché starne alla larga

Le lumache giganti sono tra gli animali apparentemente più innocui che troviamo sulla terra, ma che in verità se analizzate nel dettaglio possono essere pericolose per la salute dell’uomo...

0
Lumaca, foto da Pexels

Le lumache giganti sono tra gli animali apparentemente più innocui che troviamo sulla terra, ma che in verità se analizzate nel dettaglio possono essere pericolose per la salute dell’uomo. Le loro dimensioni le rendono facilmente individuabili (basti pensare che alcuni esemplari sono grandi quanto topi). Se ti è capitato di vedere una “invasione” di questi molluschi di terra, allora devi stare in campana, e noi ti diciamo il perché anche se puoi approfondire pur sempre il discorso su https://www.lettoquotidiano.it. Non ti resta che andare alla scoperta di tutti i segreti della lumaca gigante e del rischio che può rappresentare per la nostra salute.

Svelati i segreti delle lumache enormi

Non sono poi così tanti gli esemplari di lumache giganti che troviamo in giro, ma ne basta anche solo uno all’orizzonte per gridare alla paura dell’invasione. È pur sempre vero che la maggior parte degli esemplari giovani fa fatica a sopravvivere perché agguantati da animali predatori, ma è anche vero che la maggior parte di questi molluschi terrestri ha una fine abilità a tutelare la propria vita, facendosi scuso con il proprio guscio al cui interno si riparano. E infatti davanti all’apertura di ingresso del guscio creano una sorta di patina gelatinosa protettiva.

Apparentemente sembra insomma un animale innocuo, flemmatico e simpatico, protagonista di cartoni storie e filastrocche per bambini. Il punto è che curiosità a parte per la sua vita, per il suo muoversi lentamente e per il suo aspetto simpatico, c’è molto di più da sapere sul suo conto. Anzi, è importante proprio saperlo onde evitare di dover poi sopperire ai danni.

Con il nome lumaca viene indicato comunemente quello che la scienza invece definisce mollusco gasteropode. Ha delle peculiarità tutte sue. Ad esempio, per chi non ha mai visto una lumaca appena nata, non sa che questa nasce con già il guscio “in groppa”, talmente sottile e delicato che rischia di rompersi. È con la crescita e il tempo che lo stesso si inspessisce e indurisce. Non appena iniziano ad essere autonome infatti, le lumache mangiano l’uovo in cui erano contenute, fonte di calcio e minerali che vanno a dare vigore al guscio.

A mano a mano che la lumachina cresce, anche il guscio che porta sul dorso si allarga, e diventa al contempo più forte, finché non assume un aspetto del tutto nuovo e a prova di rottura. Questa specie di guscio ha funzione di esoscheletro, ed è costituito di tre strati ognuno dei quali contiene quasi il 100% di carbonato di calcio (nel guscio in parva percentuale si trovano anche le proteine, che ogni giorno, vanno a rinforzare il guscio dall’esterno verso l’interno). Quando si sente minacciata, la lumaca tende a rimanere nel guscio, al cui interno ci può rimanere per molte settimane (lo stesso atteggiamento lo assume ad esempio quando piove, quando le temperature sono alte o sono troppo basse per la sua sopportazione). Ebbene, non possiamo dire che lo stesso aspetto innocuo e simpatico hanno le lumache giganti, che invece sono state annoverate dalla scienza tra gli animali pericolosi per l’uomo.

Studi sulle lumache

Alcuni studi condotti sulle lumache giganti hanno messo in evidenza come le stesse siano nocive per noi. Sai perché? Perché tendono a cibarsi di oltre 500 specie di piante diverse, diventando in questo modo una minaccia per le colture, e per l’uomo perché si fanno a loro volta portatrici di un parassita, conosciuto come parassita polmonare del ratto. Come si prende questa patologia? Semplicemente tramite infezione da inserimento di lumache, sia crude che cotte. Gli effetti possono essere devastanti per il nostro organismo. Ecco perché andrebbe sempre tenuta lontana da noi.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome