⚫ Padenghe (e non solo) in lutto, addio all’alpino Gino

Luigi Amadori era nato a Soiano il 28 febbraio 1920 e dopo essere partito per il servizio militare ed inquadrato nella Tridentina, nel 6° Reggimento Alpini, era stato mandato sul fronte Greco-Albanese

0
Foto generica da Pixabay
«L’ Alpino Luigi Amadori classe 1920 ha posato lo zaino a terra»: è con queste parole che la sezione bresciana dell’Associazione Nazionale Alpini ed il gruppo di Padenghe annunciano la scomparsa di uno degli ultimi reduci rimasti.
Luigi Amadori era nato a Soiano il 28 febbraio 1920 e dopo essere partito per il servizio militare ed inquadrato nella Tridentina, nel 6° Reggimento Alpini, era stato mandato sul fronte Greco-Albanese. Qui il suo plotone venne bombardato e molti commilitoni non fecero ritorno a casa: Amadori anche se ferito in modo grave dalle schegge delle granate alla spina dorsale e al braccio, ritornò a casa.
«Sempre lucido e disponibile a scambiare due parole con i suoi alpini», Luigi Amadori – morto a 102 anni – viene ricordato con affetto e stima dal presidente Turrini, da tutto il consiglio Sezionale e dagli alpini bresciani, che si stringono alla sua famiglia in questo momento di grande dolore.
I funerali saranno celebrati oggi pomeriggio, venerdì 26, alle ore 16 nella chiesa parrocchiale di Padenghe.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome