West Nile, primo caso di contagio a Barbariga

È stato ricoverato in via precauzionale l'uomo di circa quarant'anni residente a Barbariga che avrebbe contratto il virus West Nile

0
Zanzara, foto libero utilizzo da Pixnio (immagine di James Gathany, William Brogdon, USCDCP)

È stato ricoverato in via precauzionale l’uomo di circa quarant’anni residente a Barbariga che avrebbe contratto il virus West Nile.

Ad annunciare il primo caso di febbre del Nilo – che negli scorsi mesi ha provocato alcuni morti in Veneto – nel paese della Bassa Bresciana è stato il primo cittadino Giacomo Uccelli, sottolineando fin da subito che le condizioni del paziente al momento non destano preoccupazione. «Benché nell’oltre 80% dei casi l’arbovirosi decorra in maniera asintomatica – spiega il sindaco sui social – in taluni soggetti può provocare sintomi da lievi a importanti, talvolta fatali in soggetti immunocompromessi, anziani o comunque fragili».

«I sintomi, normalmente lievi, fanno principalmente capo a febbre, mal di testa, nausea, vomito, linfonodi ingrossati, sfoghi cutanei e il proprio medico di base rappresenta la figura di riferimento in caso di dubbi di un eventuale contagio» aggiunge il sindaco, anticipando che nell’area in cui vive il paziente contagiato è già stato predisposto un intervento larvicicida, che sarebbe esteso nel caso in cui si registrassero altri casi.

 


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome