🔴 Brescia, da inizio anno 18 infortuni mortali sul lavoro: mercoledì si sciopera

Nella sola giornata di ieri si sono registrate due vittime. Un 31enne (Girolamo Tartaglione) schiacciato da un pesante carico ferroso all'Eural Gnutti di Pontevico e il conducente di un furgone morto in seguito alle ferite riportate in un incidente sulla Sebina

0
lutto - funerale - candele
Foto generica da Pixabay

Ben 18 vittime, compresi coloro che sono morti sulle strade mentre erano in servizio. E’ questo il tristissimo bilancio della strage che continua – silenziosa – nel mondo del lavoro bresciano.

Nella sola giornata di ieri si sono registrate due vittime. Un 31enne (Girolamo Tartaglione) schiacciato da un pesante carico ferroso all’Eural Gnutti di Pontevico e il conducente di un furgone morto in seguito alle ferite riportate in un incidente sulla Sebina. L’ultima tragedia in azienda si era consumata lo scorso 18 agosto, a Borgo San Giacomo, quando era stato un 28enne marocchino ad essere travolto e ucciso da un pesante carico mentre era al lavoro.

Di fronte al continuo allungarsi dell’elenco dei lutti, i sindacati (Cgil, Uil e Cisl, che ieri ha anche diramato un comunicato sull’accaduto) hanno proclamato per mercoledì 7 settembre due ore di sciopero in tutte le fabbriche metalmeccaniche della provincia di Brescia.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome