🟢 Gardaland, “eroe” adolescente vince un pupazzo per donarlo a un bambino

A raccontare questa storia è Angelica Manzi, mamma di Vittorio, 6 anni, e autrice della pagina Facebook Sono incinta ma non assisto al parto

0
Il pupazzo vinto Gardaland da Denny per Vittorio-foto screen video

“Denny ha dimostrato che il mondo è un posto migliore di quello che ci raccontano”  e così, per una volta tanto, ci si trova a leggere una storia bella che parla di solidarietà, amicizia, fratellanza, speranza e futuro.

A raccontare questa storia è Angelica, mamma di Vittorio, 6 anni, e autrice della pagina Facebook Sono incinta ma non assisto al parto. Angelica il 29 agosto ha postato proprio sui social un annuncio per cercare di rintracciare un ragazzino, Denny, che nel parco divertimenti di Gardaland si era prodigato insieme a un gruppo di amici per vincere un pupazzo multicolor e donarlo proprio al piccolo Vittorio.

“Nel parco divertimenti si vincevano dei pupazzi tondi, enormi e carini, ma per vincerli occorreva colpire un mirino con una palla e poi farla cadere in un cesto – racconta la mamma del bambino – Ho preso ben 10 biglietti, pagando 20 euro. Niente da fare. Vittorio era deluso e così si è messo a piangere.” A questo punto però interviene Denny, un adolescente di Milano che insieme agli amici trova una tecnica per vincere il pupazzo e coinvolgendo anche Vittorio riesce ad ottenere il tanto desiderato maxi peluche.

“Io sono rimasta lontana a godermi lo spettacolo. – prosegue Angelica – Questo gruppo di ragazzi che si erano presi a cuore la causa di un bambino di 6 anni”.

Al terzo tentativo Denny vince il pupazzo e lo regala a Vittorio. Poi, nei giorni seguenti Angelica pubblica l’annuncio per rintracciare il ragazzo e grazie a migliaia di condivisioni riesce nell’intento. Ora è in contatto con la madre dell’adolescente che continua a ringraziare per essersi preoccupato della felicità del suo bambino. “Dicono tanto che i giovani di oggi vivano immersi nel loro mondo inaccessibile – scrive Angelica sulla sua pagina Facebook – che siano arroganti, maleducati, menefreghisti. I ragazzi che ho incontrato oggi erano sorridenti e felici. Perché non hanno dimenticato cosa significa avere 6 anni e desiderare qualcosa.”


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome