🔴 Ospitaletto, molesta una donna e manda in coma il marito: 32enne fermato dalla Locale

Il senegalese - già noto alle forze dell'ordine per alcune violenze sessuali - avrebbe aggredito il moldavo all'esterno di un locale brandendo un oggetto contundente (forse un cacciavite): una lite che sarebbe iniziata per le continue molestie dell'africano nei confronti della moglie dell'aggredito

0
Polizia locale, foto d'archivio

Un episodio gravissimo di violenza si è consumato venerdì sera a Ospitaletto. La dinamica esatta di quanto accaduto è ancora da chiarire nei dettagli, ma la certezza è che un senegalese 32enne è stato fermato dalle forze dell’ordine e un coetaneo moldavo, padre di una bimba piccola, sta ancora lottando per la vita in Poliambulanza.

Stando a quanto si apprende, il senegalese – già noto alle forze dell’ordine per alcune violenze sessuali – avrebbe aggredito il moldavo all’esterno di un locale brandendo un oggetto contundente (forse un cacciavite): una lite che sarebbe iniziata per le continue molestie dell’africano nei confronti della moglie dell’aggredito.

Erano circa le 22.30 e le condizioni del ferito sono rapidamente peggiorate fino al coma. La Polizia Locale, quindi, si è messa subito al lavoro e, grazie alle testimonianze, ha identificato nel senegalese il presunto aggressore. L’africano, il giorno dopo, si sarebbe anche presentato a casa della moglie della sua vittima. Lì lo hanno preso in consegna gli angenti. L’africano è accusato di minacce e lesioni gravissime.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome